Marco Ciriello
HERZOG di
Marco Ciriello

Diari dal Marocco

Venerdì 5 Giugno 2020
George Orwell scrisse diversi Diari, oltre i grandi libri che conosciamo più o meno tutti, ma non erano banali diari come quelli che appaiono oggi spacciati per romanzi autobiografici, scritti da questa generazione Ikea che smonta e rimonta gli stessi sentimenti e fatti come se fossero mobilia, no. Era Orwell. Così, anche un soggiorno – causa tubercolosi – in Marocco (1938-39) diventa un minuzioso reportage su tutto: dagli animali (non aveva ancora scritto la sua “Fattoria” che arriverà nel 1945) ai giornali marocchini, non tralasciando paesaggi, soldati, clima, architettura, e la parte più povera di una civiltà contadina. Tutto viene visto e annotato, e ora pubblicato in Italia in “Diari dal Marocco” (Nuova Editrice Berti, traduzione di Cristina Colla e Cecilia Mutti). E, anche in una scrittura non destinata alla pubblicazione, ma a una memoria personale, a un esercizio di visione, si ritrova l’Orwell capace di scovare le contraddizioni della realtà. Il fatto che a scandire i suoi giorni marocchini fossero il numero di uova prodotte dalle sue chiocce dice più di una biografia. I suoi elenchi anticipano Perec e Montalbán. Ultimo aggiornamento: 13:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

GLI ULTIMI POST

di Marco Ciriello
Giovedì 28 Maggio 2020
Leggi tutti