Marco Ciriello
HERZOG di
Marco Ciriello

L’ultimo drago d’Aspromonte

Venerdì 23 Ottobre 2020

Nel Sud Italia, lamentoso e ombelicale, ci sono due anomalie letterarie: Gioacchino Criaco e Vincenzo Filosa. Il primo è uno dei pochi scrittori a far fischiare le pagine, il secondo è uno dei pochi fumettisti ad animarle sul serio. La musica di Criaco e i segni di Filosa sono diventati un libro: “L’ultimo drago d’Aspromonte” (Rizzoli), che è una disparità. Si evoca la natura in modo postmoderno con una riscrittura dei temi meridionali – terra e famiglia – senza cedimenti sentimentali. C’è un nuovo verismo nel “Drago”, una nuova Calabria, che poi è quella reale. Era sulla punta della lingua di sociologi e antropologi, ma a portarcela sono loro, con una semplicità bambina, rivelando il male, riconducendolo a una parte della natura, tirandolo via dalle pietre e dagli alberi. Lentamente il lettore viene catturato dalla potenza della storia, fino a rimanerne preda: in un continuo capovolgimento. Ci sono due scritture, due sguardi, due viaggi, e funzionano. Non sempre le coppie editoriali riescono, unendosi, a sommarsi. Questa, invece, è riuscita, e chiama altri titoli.

Ultimo aggiornamento: 21:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA

GLI ULTIMI POST

di Marco Ciriello
Leggi tutti