Marco Ciriello
HERZOG di
Marco Ciriello

La colazione dei campioni

Giovedì 14 Maggio 2020
Nel contrabbando della verità, con santoni e carbonari del web che crescono e diventano anche ministri, sottosegretari, a volte persino presidenti, le intuizioni di Kurt Vonnegut trovano appoggi e forza. Tra i suoi tanti libri – pezzi unici –, e con la relazione malata che l’Occidente ha con la verità in questi mesi, viene da pensare a “La colazione dei campioni” che andrebbe ristampato, oggi che a possederlo siamo in pochi – nella traduzione di Attilio Veraldi per Feltrinelli –, uno dei grandi romanzi di ironia e ferocia che ha al centro il rapporto con la verità, la politica, e la vita negli Stati Uniti, quindi estendibile in larga parte anche alla periferia dell’impero. Vonnegut lavora su due follie: quella di Dwayne Hoover – rivenditore d’auto – che si rivede nel protagonista di un romanzo di Kilgore Trout – scrittore e portatore dell’altra follia –; ne viene fuori una storia assurda nella quale specchiarsi, e, spostando, pochi elementi, si può tirare dentro con facilità Trump o altri personaggi politici minori. È la forza di Vonnegut che, uscendo dal tempo, continua ad essere presente: illuminando la nostra notte con fuochi d’artificio.  Ultimo aggiornamento: 22:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA

GLI ULTIMI POST

di Marco Ciriello
Giovedì 28 Maggio 2020
Leggi tutti