Regionali in Calabria, il Pd fa rotta
sull'uomo che arrestò Provenzano

Mercoledì 20 Novembre 2019 di Mario Ajello
Giuseppe Gualtieri
In corsa c’è, come autocandidato civico che il Pd potrebbe appoggiare ma forse più no che si, Maurizio Talarico, calabrese di successo con base a Roma a via del Coronari, che è riuscito a collocare le sue cravatte sulla camicie di Trump e le sue pochettes sulle giacche di Conte di cui è buon conoscente. Dunque lui, il Talarico, sarà il candidato governatore del centro sinistra più i civici in Calabria per il voto del 26 gennaio?

Talarico, dalle cravatte in centro a Roma alla candidatura per la Calabria
Elezioni Calabria, la partita tra destra e sinistra si gioca sul filo

Dal Nazareno trapela una voce riservatissima che dice un’altra cosa: si starebbe lavorando su un'altra personalità, su quello che viene definito un "fuoriclasse" e “il candidato perfetto”.  Chi sarebbe questo Mister X? Sarebbe l'ex prefetto calabrese Giuseppe Gualtieri, che da dirigente della Squadra Mobile di Palermo, dopo un lungo "appostamento", arrestò Bernardo Provenzano. Per ora si tratta di voci, e d’intenzioni, ma a sinistra la ricerca della figura giusta per non dare la Calabria a Salvini è diventata una priorità. Ultimo aggiornamento: 16:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA