Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Calabria, lavori finiti al pronto soccorso
ma è polemica per i tempi di attesa

Sabato 30 Luglio 2022
Calabria, lavori finiti al pronto soccorso ma è polemica per i tempi di attesa

Un risultato è stato raggiunto. «Si sono conclusi i primi lavori di ammodernamento del Pronto soccorso dell'Ospedale di Polistena. Opere, iniziate lo scorso 4 luglio su iniziativa del commissario dell'Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria, Lucia Di Furia - che ringrazio per il suo determinato impegno -, e che avevano l'obiettivo - raggiunto in poche settimane - di ridare dignità a tanti spazi dedicati alla salute dei cittadini nei momenti di emergenza, e di consentire agli operatori sanitari, che trascorrono presso questa sede gran parte della propria giornata, di lavorare nelle migliori condizioni possibili». Lo afferma in una nota Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria.

«L'azione di ammodernamento - aggiunge - continuerà, con interventi mirati, nei prossimi mesi. Adesso la nostra attenzione continua ad essere proiettata al problema della carenza di medici e infermieri presso questa struttura sanitaria. Già nei prossimi giorni - conclude Occhiuto - contiamo di poter avere novità positive per l'Ospedale di Polistena e per i cittadini delle aree limitrofe».

in una nota Amalia Bruni, leader dell'opposizione in Consiglio regionale della Calabria, però avverte: «In Calabria occorre oltre mezz'ora, in media, per l'arrivo di un'ambulanza dopo una chiamata di soccorso, ben oltre il limite consentito, con un peggioramento dall'inizio della pandemia, e spesso l'ambulanza arriva senza il medico. Il 118 continua a essere un servizio a metà, vista la mancanza di personale medico nei mezzi di soccorso».

Ultimo aggiornamento: 22:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA