La strage del torrente in piena:
​due 13enni napoletane in ospedale

ARTICOLI CORRELATI
di Serafina Morelli

1
  • 821
Famiglie con bambini, comitive di amici in gita fuori porta, in vacanza per un giorno sul Pollino, ma anche turisti in arrivo da altre regioni d'Italia - Campania, Basilicata e Lombardia - travolti all'improvviso dal mostro d'acqua. Solo una parte degli escursionisti sorpresi dalla piena del torrente sono riusciti a mettersi in salvo su alcuni scogli e a poco a poco sono stati recuperati. Tra di loro anche una bimba in ipotermia, portata nell'ospedale di Cosenza con l'eliambulanza, e altri tre piccoli salvati. E due ragazzine napoletane, nemmeno quattordicenni, sono state le prime ad essere portate all'ospedale di Castrovillari: avevano vestiti lacerati, senza scarpe ed erano in forte stato di choc. Non sapevano nulla della sorta dei propri genitori. Trovato lo zaino di una persona di Milano. Sono nove al momento i morti, tre uomini e sei donne. Incerto il numero dei dispersi, tra i quali si teme la presenza di bambini. Tra questi, una guida di Cerchiara che aveva accompagnato 15 escursionisti. Il numero verde per avere informazioni 800222211.
 

Angoscia e apprensione a Civita, nella piazza del piccolo comune arbereshe, davanti alla sede della società «Raganello tour» che aveva organizzato un escursione per 15 persone. «È una immane tragedia. I nostri ospiti, una famiglia milanese, per fortuna erano già rientrati dall'escursione. Speriamo che il bilancio non peggiori. Il problema è che al momento non si sa il numero dei dispersi perché in molti si avventurano da soli», racconta il proprietario del B&B La Locanda di Civita, a pochi chilometri dalle Gole del Raganello, dove oggi la piena del torrente ha travolto e ucciso gli escursionisti. E le ricerche continuano tutta la notte: sono arrivate due torri faro per illuminare a giorno la zona del Ponte del Diavolo, una delle mete più battute. Sul posto anche i sommozzatori di Brindisi e Taranto, con i vigili del fuoco. «Sono circa 70 - dice il Capo della Protezione civile della Regione, Carlo Tansi - le unità impegnate a setacciare a tappeto l'area. La vera incognita è costituita dal numero dei dispersi di cui al momento non si ha piena contezza. Quello che si sa è che le Gole a causa dell'acqua caduta copiosamente si sono saturate e hanno scaraventato le vittime anche a tre chilometri di distanza».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 21 Agosto 2018, 08:00 - Ultimo aggiornamento: 21-08-2018 11:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-08-21 09:09:14
Questa non è una tragedia, è stato come giocare alla roulette russa sperando di farla franca. In montagna, al mare, in campagna o dovunque sia possibile è un susseguirsi di morti assurde provocate da impreparazione, ignoranza dei luoghi, incapacità ad affrontare il benché minimo imprevisto, il tutto accompagnato da una buona dose di stupidità. Passano la giornata a pigiare sui tasti di un computer o di uno smartphone e poi, per un giorno o due, diventano tutti Indiana Jones. Ci vorrebbe un maggior controllo per impedire eventi del genere.

QUICKMAP