Catanzaro, incendio doloso ​a un pub: due morti nel rogo

Due persone sono morte in un incendio di natura dolosa sviluppatosi la scorsa notte in un pub, il «Tonninas», di Catanzaro Lido, il quartiere marino del capoluogo calabrese. Secondo quanto è emerso dai primi accertamenti dei vigili del fuoco, non è escluso che i due morti siano le stesse persone che stavano appiccando l'incendio al locale, presumibilmente per finalità estorsive.
 

È stata trovata una notevole quantità di liquido infiammabile all'interno del «Tonninàs», il pub di Catanzaro Lido in cui la scorsa notte sono stati rinvenuti due cadaveri semicarbonizzati. La presenza di benzina in grande quantità rafforza negli investigatori l'ipotesi che l'incendio in quello che era uno dei locali più frequentati dalla movida del quartiere marino di Catanzaro sia di natura dolosa. Su quanto é accaduto indaga la Squadra mobile di Catanzaro, che sta cercando in primo luogo di identificare le due vittime. Negli ambienti investigativi non c'é alcuna conferma ufficiale, al momento, che i due morti siano le stesse persone che stavano mettendo in atto l'attentato incendiario, anche se l'ipotesi appare altamente verosimile.

Sono il gestore di un bar di Borgia (Catanzaro) ed un suo dipendente i due uomini morti nell'incendio nel pub «Tonninàs» del quartiere Lido di Catanzaro. Giuseppe Paonessa, di 36 anni, di Borgia, gestiva un bar nel suo paese ed Eugenio Sergi lavorava nel locale con lui. Entrambi, secondo quanto si è appreso, non risulta avessero rapporti con la criminalità organizzata. Paonessa, nel 2010, era stato arrestato perché aveva sparato contro il fidanzato della sua ex ragazza e poi era stato condannato per lesioni.
Giovedì 5 Aprile 2018, 08:55 - Ultimo aggiornamento: 06-04-2018 12:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP