Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Crotone, ragazzo in fin di vita:
22enne accusato di tentato omicidio

Domenica 14 Agosto 2022
Crotone, ragazzo in fin di vita: 22enne accusato di tentato omicidio

Resta in carcere il ventiduenne crotonese arrestato venerdì scorso con l'accusa di essere l'autore della violenta aggressione consumata ai danni di un ventenne di Bologna ma con origini crotonesi, massacrato a calci e pugni che è ricoverato in gravissime condizioni nel reparto di rianimazione dell'ospedale Pugliese Ciaccio di Catanzaro.

Il gip di Crotone, al termine dell'interrogatorio di garanzia, durante il quale il giovane si è avvalso della facoltà di non rispondere, ne ha convalidato l'arresto effettuato dalla Squadra mobile. Il giovane, che in un primo tempo era stato accusato di lesioni gravissime, ora dovrà rispondere di tentato omicidio. Non è chiaro il movente della brutale aggressione subita dal ragazzo che potrebbe essere legata a futili motivi forse uno sguardo di troppo a una ragazza che era in compagnia dell'aggressore.

I colpi sferrati al ventenne gli avrebbero provocato un trauma cranico e altre lesioni. La madre del ragazzo aggredito ha raccontato alle telecamere della Tgr Calabria di avere visto dalla finestra dell'abitazione dove si trovava, il figlio mentre veniva caricato su un'ambulanza. «Non ero convinta che fosse lui; l'ho riconosciuto dai vestiti. Mi ha detto 'ti voglio bene mammà, e poi si è accasciato. Abbiamo visto il caso di Willy, che ci ha lasciato senza parole. Però sono quelle cose che tu pensi 'A me non capiteranno maì. Invece è capitato a me. Chi l'ha aggredito deve marcire in galera, ed è troppo poco. Voglio guardarlo negli occhi e chiedergli perché l'ha fatto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA