Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Luigi de Magistris a Vibo Valentia:
«Ottime sensazioni sul risultato»

Mercoledì 21 Settembre 2022
Luigi de Magistris a Vibo Valentia: «Ottime sensazioni sul risultato»

«Il nostro progetto non scade il 25 settembre. Non siamo una lista elettorale, ma l'unica formazione realmente di sinistra, pacifista, antifascista ed ambientalista del quadro politico nazionale. Oggi chi si sente di sinistra ha una possibilità: non votare chi si dice di sinistra, ma in realtà non fa nulla di sinistra, come il Pd, che ha distrutto il Jobs act e l'articolo 18 e finanzia, inviando armi, la guerra in Ucraina»: così Luigi de Magistris, portavoce di Unione popolare, nel corso di una manifestazione elettorale a Vibo Valentia.

«La nostra è l'unica forza politica che ha chiesto l'abolizione dell'alternanza scuola-lavoro perché non è tollerabile che un ragazzo muoia, ed é accaduto ormai tre volte negli ultimi tempi, perché lo spediscono a lavorare in un'azienda».

«Questa è una campagna elettorale anomala perché si vota praticamente d'estate, con un mese appena di campagna elettorale. Ma la sensazione che abbiamo sul risultato elettorale è ottima. È significativo il sostegno che abbiamo ricevuto da Jean-Luc Mélenchon, leader della principale forza di sinistra europea, e a Napoli è venuto Pablo Iglesias, che è stato uno dei fondatori di Podemos. Stiamo andando forte anche sui social».

Video

«Non abbiamo i soldi degli altri partiti, anche se bisognerebbe chiedersi dove li prendono e chi finanzia chi dall'est. Magari ci sono leader politici che prendono fondi dai grandi potentati industriali. Ricordo anche che Calenda ha rotto il rapporto col Pd perché il partito di Letta era andato con Fratoianni. Oggi Fratoianni dice che sarebbe disposto a governare con Calenda. Ma di cosa parliamo, allora?».

© RIPRODUZIONE RISERVATA