Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Goletta dei Laghi in Calabria,
​i risultati del monitoraggio

Martedì 2 Agosto 2022
Goletta dei Laghi in Calabria, i risultati del monitoraggio

Goletta dei Laghi 2022 fa tappa in Calabria, presenta i risultati delle analisi microbiologiche eseguite sui bacini lacustri silani. Cosa emerge? Fortemente inquinato il punto campionato nel Lago Arvo, entro i limiti di legge i due punti campionati nei laghi Cecita e Ampollino. Oggetto dei monitoraggi del team di volontari e tecnici della campagna di Legambiente, come di consueto, sono generalmente canali e foci, i principali veicoli con cui l’inquinamento causato da cattiva depurazione o scarichi illegali arriva nei laghi.  

Ma questa volta le analisi sono state effettuate anche sui carichi di azoto e fosforo: in tutti e tre i laghi sono stati riscontrati valori di azoto superiori a quelli indicati per le acque idonee alla vita dei pesci ciprinidi; nitrati entro i limiti previsti dallo Standard di Qualità ambientale; fosfati oltre i valori di riferimento previsti per gli elementi fisico-chimici a sostegno del biologico, da utilizzare per la classificazione dello stato ecologico dei corpi idrici lacustri.  

«Da tempo suggeriamo al Parco nazionale della Sila di avere una visione per gli ecosistemi lacustri che caratterizzano l’articolato paesaggio dell’area protetta e necessitano di un piano di gestione ad hoc. Gli esisti positivi della fruizione dei laghi silani dipendono da quanto sono approfonditi gli studi sulla biodiversità e il monitoraggio degli impatti antropici, ma soprattutto da come vengono gestite le attività produttive: agricole, allevamento, energia», dichiara Antonio Nicoletti, presidente del circolo Legambiente Sila.

© RIPRODUZIONE RISERVATA