Incendi in Calabria, de Magistris:
«Inadeguatezza di chi la governa»

Sabato 7 Agosto 2021
Incendi in Calabria, de Magistris: «Inadeguatezza di chi la governa»

All'indomani dei due morti tra le campagne e i boschi dell’area aspromontana, Luigi de Magistris, candidato presidente alla Regione Calabria, avverte: «La Calabria ancora una volta è lacerata da grandi incendi colposi e dolosi. La politica regionale è totalmente inadeguata nella predisposizione dei piani di prevenzione e intervento per gli incendi boschivi estivi e completamente assente nelle politiche di tutela della forestazione e delle aree boschive. La politica di centrodestra e centrosinistra non è stata capace di creare lavoro sulla tutela e difesa della terra, della montagna, dei boschi, delle campagne, dell’agricoltura, delle aree interne.  Nel nostro piano di governo creeremo migliaia e migliaia di posti di lavoro per la bonifica dei siti inquinati, la valorizzazione dei territori, la tutela delle foreste.  Il patrimonio boschivo calabrese è unico in Europa, basti pensare al pino loricato del Pollino, ai giganti della Sila, ai boschi impervi dell’Aspromonte, passando per le serre Vibonesi.  La natura, il più immenso bene comune, va tutelato e non abbandonato come fa la politica regionale delle devastazioni ambientali degli ultimi trent’anni.  Di fronte alle morti e agli incendi di questi giorni Spirlì e la sua maggioranza di centro destra invece di pensare alle consuete e indegne operazioni elettorali facciano qualcosa per tutelare la natura per, non continuare a essere complici moralmente, politicamente e non solo, del devastante disastro ambientale, dai rifiuti, alle discariche, dagli incendi fino alla mancanza di acqua e sanità». 

Ultimo aggiornamento: 10:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA