'Ndrangheta, arrestato
il latitante Antonio Pesce

La Polizia di Stato di Reggio Calabria ed il  Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato hanno catturato stamani, in un appartamento a Rosarno, il latitante della `ndrangheta calabrese Pesce Antonino, figlio del noto boss Pesce Vincenzo classe 1959.
 


Il 26enne era  ricercato dal 4 aprile del 2017, quando si sottrasse all´esecuzione del decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria nell´ambito dell´operazione "Recherche" ed alla successiva Ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa in data 14.04.2017  dal G.I.P. presso il Tribunale di Reggio Calabria nei confronti di elementi di vertice, affiliati e prestanomi della potente cosca Pesce di Rosarno , ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione mafiosa, illecita concorrenza con minaccia o violenza, intestazione fittizia di beni, favoreggiamento personale nei confronti del boss latitante Pesce Marcello, arrestato l´1 dicembre 2016 - aggravati dalla circostanza di aver agevolato un´organizzazione criminale aderente alla `ndrangheta - nonché di traffico e cessione di sostanze stupefecenti:

Al momento dell´intervento da parte dei poliziotti, il ricercato non era armato e non ha opposto alcuna resistenza. 

A Pesce Antonino viene contestato il ruolo di direzione e capo del ramo della cosca Pesce che si riconosce nella figura del padre Pesce Vincenzo classe 1959, alias "U pacciu" (attualmente detenuto), con compiti di decisione, pianificazione e di individuazione delle azioni da compiere, degli obiettivi da perseguire, delle attività economiche da avviare ed attraverso cui riciclare il denaro e le altre utilità provento delle dette azioni delittuose. 

Assieme al fratello 29enne, impartiva ordini e direttive alla cosca, facendo leva proprio sullo spessore criminale del padre, riconosciuto dagli altri esponenti di vertice della cosca quali Pesce Marcello e Pesce Antonino cl. 1982, con i quali trattava la ripartizione delle zone d´influenza e dei proventi del mercato del trasporto merci su gomma per conto terzi.

 Infatti, il menzionato Pesce Vincenzo è stato condannato, in via definitiva, a 16 anni di reclusione nell´ambito del processo All Inside, quale esponente apicale dell´omonima cosca, nonché a cinque anni di reclusione, in primo grado, nell´ambito dell´operazione Reale 6 per il reato di scambio elettorale politico-mafioso.

L´indagine "Recherche" ha messo in evidenza l´attualità del potere criminale assunto dai fratelli Savino (attualmente detenuto) e Antonino cl. 1992, il cui carisma e potere intimidatorio induceva alcuni trasportatori della zona di Rosarno a cedere a soggetti di loro fiducia alcuni servizi di trasporto di merci su gomma (prodotti agrumicoli, kiwi ed altro), facendo prevalere il criterio dell´influenza sulla parte del territorio in cui avevano sede le aziende di settore, ricadenti sotto il loro controllo criminale già esercitato dal padre Vincenzo. 

Complessivamente, l´indagine "Recherche" ha fatto luce sul monopolio della cosca Pesce nell´esercizio del trasporto delle merci su gomma nel territorio di Rosarno e zone limitrofe.
Sabato 10 Marzo 2018, 13:46 - Ultimo aggiornamento: 10-03-2018 13:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP