'Ndrangheta, corruzione e riciclaggio
tra l'Italia e la Svizzera: 75 arresti

Martedì 21 Luglio 2020
'Ndrangheta, maxi operazione tra l'Italia e la Svizzera, 75 arresti

Un'operazione in Italia e Svizzera è stata condotta dalla guardia di finanza e della polizia elvetica per l'arresto di 75 persone accusate di essere legate a cosche della 'ndrangheta. Complessivamente gli indagati sono 158, ai quali sono contestati, a vario titolo, i reati di associazione mafiosa, associazione dedita al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, riciclaggio, fittizia intestazione di beni, corruzione ed altri reati, tutti aggravati dalle modalità mafiose. Colpiti diversi esponenti di affermate e risalenti famiglie della criminalità organizzata calabrese, operanti principalmente nel territorio che collega Lamezia Terme alla provincia di Vibo Valentia.

LEGGI ANCHE 'Ndrangheta, facce pulite per ottenere i prestiti-Covid

L'operazione, coordinata dalla Dda di Catanzaro, è condotta dai finanzieri del Comando provinciale di Catanzaro e del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata (Scico) di Roma, con il supporto dei reparti del Comando regionale Calabria, in simultanea con la polizia giudiziaria federale di Berna. Nel corso dell'operazione sono stati sequestrati beni per 169 milioni di euro. L'operazione è il frutto di anni di lavoro investigativo svolto nell'ambito di una Squadra investigativa comune (Joint Investigation Team) costituita presso Eurojust tra magistratura e forze di polizia dei due Paesi, cui hanno aderito, per l'Italia, la Dda di Catanzaro e reparti della Guardia di finanza (Nucleo di PoliziaEconomico-Finanziaria di Catanzaro e Scico di Roma) e, per la Svizzera, la Procura della Confederazione Elvetica di Berna e la Polizia Giudiziaria Federale di Berna.
 

Ultimo aggiornamento: 22 Luglio, 10:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA