Calabria zona rossa, tutte le scuole chiuse fino al 28 novembre

Sabato 14 Novembre 2020

Cambiano le regole per la scuola in Calabria. Sono sospese tutte le attività nelle scuole di ogni ordine e grado, con ricorso alla didattica a distanza, dal 16 al 28 novembre. E' quanto prevede la nuova ordinanza (la n. 87) firmata oggi dal presidente facente funzioni della Giunta regionale, Nino Spirlì. «Non è stata una decisione facile - afferma il presidente della Regione - ma il momento è drammatico e le famiglie calabresi devono essere tutelate. E il virus è sempre più invadente», spiega il massimo rappresentante dell'esecutivo regionale«.

LEGGI ANCHE --> Dpcm scuola, mascherine dai 6 anni in su anche al banco. E vanno sostituite a metà giornata

«La nuova ordinanza segue la n. 85 e la n. 86 - è detto in un comunicato - con le quali il presidente ha disposto, rispettivamente, l'aumento di 244 posti letto e il reclutamento di 300 tra medici e infermieri per il contrasto all'emergenza covid-19». Il provvedimento firmato oggi, in considerazione dell'ultimo Dpcm e dell'ordinanza del ministro della Salute che dispone l'istituzione della 'zona rossa' in Calabria, prende atto che «dalle ultime analisi epidemiologiche elaborate dal personale del Gruppo operativo dell'Unità di crisi regionale si registra un incremento nei valori degli indicatori di allerta». In particolare, «il valore in aumento della variabile 'nuovi casi confermati negli ultimi 14 giorni per 100.000 abitantì sebbene continui ad essere il più basso fra tutte le regioni, risulta essere 15 volte più grande, con trend in crescita, rispetto al valore registrato nel periodo di settembre - in cui si era mantenuto stabile, e può ragionevolmente considerarsi in stretta correlazione con la ripresa delle attività scolastiche di ogni ordine e grado nei singoli territori regionali».

L'ordinanza 87, alla luce del nuovo scenario - riporta il comunicato - dispone «la sospensione in presenza, di tutte le attività scolastiche di ogni ordine e grado, con ricorso alla didattica a distanza». Consentita per gli studenti con disabilità, 'la didattica digitale integrata alla presenza degli insegnanti di sostegno' e con 'accessi contingentatì. Previsto un primo step di analisi del trend dei contagi, al fine di valutare l'eventuale rimodulazione delle misure in coincidenza del termine dell'efficacia dell'ordinanza del ministro della Salute del 4 novembre 2020 e, sulla base degli esiti del monitoraggio, al termine dei successivi 7 giorni«.

Nell'ordinanza viene disposto lo screening gratuito, mediante tampone rapido antigenico, ai genitori degli alunni che frequentano la scuola primaria e la scuola dell'infanzia, da effettuarsi a cura della Aziende sanitarie provinciali, secondo le indicazioni e le priorità fornite dall'Unità di crisi regionale ai dipartimenti di Prevenzione e con il coinvolgimento dell'Ufficio scolastico regionale».

Ultimo aggiornamento: 21:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA