Caserta, autopsia sul bimbo caduto
dalla finestra: riascoltati i genitori

Mercoledì 8 Aprile 2020

L'ordine perentorio è arrivato dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere: è necessaria l'autopsia sul corpo di Mario, il bambino rumeno di tre anni e mezzo precipitato dalla finestra della sua abitazione in via Roma, a Caserta. Si procede per omicidio colposo. Il piccolo è morto la notte fra sabato e domenica delle Palme, nonostante il disperato tentativo dei medici dell'ospedale di Caserta di salvargli la vita.

LEGGI ANCHE Caserta, i genitori del bimbo morto: «Mario riposerà in Romania»

Sul caso stanno indagando gli agenti di polizia della questura di Caserta, diretti dal questore Antonio Borrelli, che nelle ultime ore hanno ascoltato di nuovo la madre del bambino e il compagno di quest'ultima. In un primo momento, infatti, si pensava che l'uomo - uscito dall'abitazione per andare a fare la spesa, stando alla sua versione - fosse il padre naturale del piccolo. In realtà, è il consorte della mamma di Mario. Cambia poco, perchè il piccolo nucleo era comunque una famiglia. Tutti e tre vivevano nell'appartamento di via Roma, pare, con un'altro familiare, la zia della donna. Allo stato nessuno è indagato e il fascicolo aperto in Procura è contro ignoti. La madre di Mario ha, in ogni caso, deciso di farsi assistere dall'avvocato Michele Di Fraia.
 


Intanto, ieri pomeriggio, si è svolto l'esame autoptico sul cadavere del piccolo. L'incarico è stato dato dalla Procura al medico Raffaela Salvarezza: per il responso definitivo sulle probabili cause del decesso, si dovranno aspettare però ancora 60 giorni. Intanto, la famiglia del piccolo chiede il rimpatrio della salma. «Non è problema economico - spiega il sindaco di Caserta, Carlo Marino - ma procedurale. In questo periodo nessuno può spostarsi dal luogo in cui vive, se non per motivi necessari e improrogabili. Capisco la disperazione, vedremo di confrontarci con l'Ambasciata».
 

Ultimo aggiornamento: 16:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA