Basta riti, il parroco chiude
la cappella degli esorcismi

ARTICOLI CORRELATI
di Tina Cioffo, Alessandra Tommasino

La cappella della Madonnella ha chiuso. Non si celebreranno più messe fino a nuovo ordine. La decisione è stata presa dal parroco di Casapesenna, don Vittorio Cumerlato, responsabile della chiesetta dove don Michele Barone celebrava le funzioni religiose la domenica pomeriggio e dove riuniva i suoi fedeli, dei gruppi di preghiera. E dove sarebbero avvenuti i riti esorcistici con minori. La disponibilità della cappella, che all’origine era solo un’edicola votiva e che si trova al confine con il comune di San Cipriano D’Aversa, era stata chiesta proprio dal sacerdote arrestato venerdì scorso con l’accusa di maltrattamenti ed abusi sessuali ai danni di tre donne, fra cui una tredicenne originaria di Maddaloni e a lui affidata dai genitori della bambina. La cappella si trova a pochi metri da una Missione evangelica, lungo il corso che porta al santuario «Mia Madonna e mia Salvezza» e verso piazza Agostino Petrillo, dove don Cumerlato ha la sua parrocchia.

Intanto, nelle prossime ore il gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere potrebbe decidere se concedere o meno i domiciliari a don Michele Barone. L’istanza è stata avanzata dal legale del sacerdote, Carlo Taormina, che è l’avvocato difensore anche di padre e madre della minore, finiti ai domiciliari nell’ambito della stessa indagine e per i quali è stato chiesto il ritorno alla libertà. Taormina ha presentato analoghe istanze anche al Tribunale del Riesame, la cui udienza però non è stata ancora fissata.

«Quando don Michele mi chiese di poter celebrare nella cappella non mi opposi, si trattava di dare uno spazio dove pregare e non avevo motivo per oppormi», dice il giovane parroco che a Casapesenna è arrivato già prima degli anni ’90 con tutta la sua famiglia, dal Veneto. Il fratello è don Guido che cogestisce insieme a don Massimo Mormile, il santuario dell’Opera di don Salvatore Vitale. Un ente con un’autonomia giuridica a tutti gli effetti. A quelle preghiere che don Barone guidava, molto seguito anche nei suoi pellegrinaggi a Medjugorje, don Cumerlato ha assistito solo una volta. 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 2 Marzo 2018, 09:49 - Ultimo aggiornamento: 02-03-2018 09:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP