Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il mega biodigestore di Teano non si farà:
bocciato il ricorso della società Gesia

Domenica 29 Maggio 2022 di Emanuele La Prova
Il mega biodigestore di Teano non si farà: bocciato il ricorso della società Gesia

Il tribunale amministrativo regionale boccia il ricorso della Gesia, la ditta che avrebbe voluto costruire un enorme biodigestore in località Santa Croce, a Teano. Parliamo di un impianto in grado di smaltire oltre centocinquantamila tonnellate di rifiuti l'anno, pericolosi e non, che avrebbe potuto rappresentare un serissimo problema per l'ambiente sidicino.

Dopo una disputa di oltre un anno tra l'ente teanese, al tempo presieduto dal sindaco Dino D'Andrea, e la ditta di Pastorano, ora il pericolo sembra essere definitivamente scampato. Era stata la stessa Gesia a ricorrere al Tar, in seguito alla bocciatura del proprio progetto al termine della conferenza dei servizi. Nel weekend, i giudici del tribunale amministrativo hanno messo fine a questo lunghissimo scontro, condannando inoltre la ditta al pagamento delle spese di giudizio, in favore del Comune dell'alto Casertano e della Regione Campania. La Gesia, dunque, verserà nelle casse dei due enti cinquemila euro, che verranno equamente divisi. 

Decisivo ai fini della bocciatura del progetto della ditta è stato il piano urbanistico comunale, voluto fortemente dall'ex sindaco D'Andrea, proprio per scongiurare l'eventuale pericolo. Il Puc teanese infatti, elaborato grazie al contributo dell'ex assessore Pierluigi Landolfi, indica chiaramente l'ex zona Asi di Santa Croce come area destinata all'agricoltura.

«Il piano urbanistico si è rivelato importantissimo», ha spiegato D'Andrea dopo la sentenza del Tar, «abbiamo lavorato fino a notte fonda per ufficializzarlo e scongiurare così il pericolo biodigestore. Per la comunità è una vittoria importantissima, anche perché ottenuta con l'aiuto di tutti, associazioni, cittadini, Provincia e Regione. Se non altro, il prossimo sindaco ora avrà un problema in meno a cui pensare». Esulta anche il comitato NoImp, da sempre in prima linea in questa lunga battaglia contro la Gesia. «È finita bene», hanno comunicato il portavoce Alessandro Lepre e gli altri membri dell'associazione cittadina, «sul territorio di Santa Croce, non sorgerà alcun impianto per lo stoccaggio di rifiuti pericolosi e non. In particolare, nella sentenza è stata riconosciuta la piena legittimazione del comitato all'attivazione delle azioni legali, miranti alla tutela del diritto alla salute ed alla salubrità dell'ambiente. Con sobrietà e perseveranza, per più di cinque anni, il NoImp si è battuto per evitare la realizzazione di un impianto che minacciava quello che resta del tessuto produttivo nostrano. Senza protagonismi di sorta, siamo riusciti ad unire la nostra comunità». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA