Casertana, tour de force
si comincia domenica con il Catania

Mercoledì 20 Novembre 2019 di Domenico Marotta
Pronti al tour de force. La Casertana riprende oggi gli allenamenti sull'onda lunga dell'entusiasmo dopo la vittoria del derby contro l'Avellino. Il 2-0 di domenica ha spazzato via ogni preoccupazione di classifica e con sette punti di vantaggio da gestire sulla zona playout, i falchetti possono affrontare con serenità le prossime difficili partite ravvicinate. Domenica c'è il Catania al Massimino, poi, dopo tre giorni, il Catanzaro in trasferta in Coppa, poi la Paganese al Pinto. Per fortuna le notizie che arrivano dall'infermeria sono positive. Dopo il rientro di Silva, che ha già giocato contro l'Avellino a Catania, Ginestra dovrebbe avere nuovamente a disposizione sia l'attaccante Castaldo che il centrocampista Zito. Due esperti che, prima dei rispettivi infortuni hanno fatto benissimo, torneranno in campo per dar man forte al gruppo giovane che così bene ha fatto domenica scorsa. È proprio la linea verde l'elemento di maggior sorpresa in questa stagione. I giovani scelti da Violante stanno crescendo in termini di rendimento e dimostrando doti tecniche importanti che lasciano intravedere un futuro radioso.

LEGGI ANCHE La Casertana ritrova il successo: quarto ko di fila per l'Avellino

Non a caso, nel derby contro l'Avellino, la palma del migliore in campo è stata assegnata a Gioele Origlia, semisconosciuto centrocampista ventenne che solo l'anno scorso ha debuttato tra i grandi, disputando 30 partite in serie D con la Vis Artena. Un problema fisico lo ha tenuto fuori dal campo per i primi mesi alla Casertana tra i professionisti ma, come in precedenza accaduto per Lezzi o Adamo, tra gli altri, Ginestra ha trovato il momento giusto per mandarlo in campo. Origlia ha risposto con il piglio del giovane dalle grandi promesse: assist al bacio per D'Angelo e decisivo intervento nell'azione del gol di Starita. Vista l'emergenza ha giocato da attaccante, in una posizione che neppure gli appartiene particolarmente: in futuro, lo ha detto anche Ginestra, potrà tornare nella più congegnale posizione di mezzala e allora non c'è che da aspettarlo con fiducia. Origlia è solo l'ultimo dei giovani a sorprendere la piazza in ordine di tempo: prima di lui aveva fatto benissimo Lezzi e ancor prima si erano messi in evidenza Adamo, Santoro come piacevole conferma e soprattutto Starita, quest'ultimo, con sette reti all'attivo, ormai consacrato bomber di categoria nonostante i soli ventitre anni.

E, in società ne sono sicuri, ce ne sono ancora da vedere delle belle: lo staff, infatti, aspetta con grande fiducia anche Varesanovic, Cavallini e Zivkov che ancora non hanno espresso al meglio le loro potenzialità. Si può dire, Violante la missione l'ha compiuta assicurando alla Casertana un sostanzioso gruppo di calciatori che possono tornare utili nel lungo periodo e crescere di rendimento. Nell'immediatezza la classifica è tornata in linea con le aspettative di inizio stagione, la Casertana è in piena quota salvezza e può migliorare di qualche punto la sua graduatoria prima della fine del girone d'andata. Forse già a partire da domenica contro un Catania fortissimo in casa ma ultimamente in difficoltà. Con Castaldo e Zito a disposizione e Floro Flores sempre più in condizione di giocare, Ginestra torna ad avere tante alternative per accrescere la pericolosità offensiva. In difesa, invece, preoccupa capitan Rainone che contro l'Avellino è uscito anzitempo per un riacutizzarsi del problema alla caviglia che lo aveva già costretto ai box. Lo staff medico spera che gli esami strumentali escludano un interessamento dei legamenti: in questo caso, infatti, il capitano potrebbe essere di nuovo disponibile già domenica.
© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA