I laboratori della scuola nell'immobile confiscato a Francesco Schiavone "Sandokan" a Grazzanise

Mercoledì 13 Gennaio 2021

Sorgeranno in un immobile confiscato al padrino del clan dei Casalesi Francesco «Sandokan» Schiavone i laboratori della sede distaccata di Grazzanise dell'Istituto tecnico G.C. Falco, che avrà l'indirizzo «Agrario, agroalimentare e agroindustriale», con due articolazioni: «Produzioni e trasformazioni» e «Gestione dell'ambiente e del territorio». Un progetto dal forte impatto sociale e culturale per un Comune che negli ultimi 25 anni è stato sciolto tre volte per infiltrazioni camorristiche.

Non è un caso che la nuova amministrazione guidata dal settembre scorso dal sindaco Enrico Petrella sia nota come «amministrazione dei cento passi», nome preso dalla lista che ha sostenuto Petrella, denominata appunto Cento Passi, che nel ricordo di Peppino Impastato e della sua lotta contro la mafia che lo portò ad essere ucciso, ha voluto mandare un messaggio chiaro al territorio di discontinuità con il passato.

«Cento Passi» è stato anche il nome di un'importante operazione antimafia dei carabinieri e della Direzione Distrettuale di Napoli che nel 2009 ha disarticolato il gruppo di camorristi legati al clan dei Casalesi che controllavano le attività illecite Grazzanise e dintorni, responsabili anche di un progetto di attentato alla stazione dell'Arma.

«Un bel segnale per un territorio per troppi anni in mano alla camorra» dice soddisfatto il sindaco Petrella, che spiega come «Grazzanise avrà finalmente, dal prossimo anno scolastico, la sede distaccata dell'istituto tecnico le cui classi saranno per ora allocate presso le scuole medie; ma i ragazzi - prosegue - avranno anche la possibilità di usufruire dei laboratori presso il complesso confiscato a Sandokan, mentre l'orto didattico sorgerà nel vicino bene confiscato a Walter Schiavone, fratello di Sandokan. Determinante è stata la tempestiva collaborazione del dirigente dell'Itis Falco di Capua, Angelina Lanna, che ha elaborato il progetto didattico, e del presidente della provincia di Caserta, Giorgio Magliocca, che ha firmato il decreto che ha previsto la sede di Grazzanise». All'inizio c'era infatti solo un orto didattico, grazie alla Regione Campania, ma Petrella ha lavorato in questi mesi perché una sezione distaccata dell'istituto tecnico fosse impiantata a Grazzanise.

«Altrimenti l'orto didattico - dice Petrella - sarebbe stato come una cattedrale nel deserto. Ora i ragazzi di Grazzanise potranno imparare a scuola e applicare praticamente le lezioni». Il progetto complessivo è di circa un milione di euro, e in futuro saranno coinvolti Università e Consorzio della Mozzarella di Bufala Dop.

Ultimo aggiornamento: 16:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA