Capodanno, 19enne ferita da proiettile ad Aversa. Trovate altre ogive: caccia al responsabile, avrebbe sparato dal palazzo di fronte

Mercoledì 1 Gennaio 2020

Sono tre i feriti in provincia di Caserta nella notte di fine anno. Il caso più grave riguarda una 19enne ricoverata in ospedale ad Aversa con una ferita da arma da fuoco. Ricoverata in codice rosso, non è in pericolo di vita. La giovane, residente ad Aversa, sarebbe stata colpita da un proiettile vagante all'addome mentre era affacciata al balcone della sua abitazione. Altri due incidenti si sono verificati a Maddaloni e a San Nicola la Strada, dove un 24enne e un 58enne sono rimasti feriti maneggiando fuochi d'artificio. Per loro la prognosi è rispettivamente di 15 e di 10 giorni.

LEGGI ANCHE Botti di Capodanno, tenta di spegnere il rogo e muore ad Ascoli. Diciannovenne ferita da un proiettile nel Casertano

Indagini in corso da parte della Polizia di Stato, per identificare l'autore del ferimento della ragazza. L'episodio è avvenuto nella strada che collega Aversa al comune di Teverola, quasi al confine tra i due centri. Il proiettile che ha ferito la 19enne è entrato all'addome arrestandosi all'altezza del gluteo. I poliziotti del commissariato di Aversa guidati da Vincenzo Gallozzi, hanno accertato la presenza di altre ogive, segno che chi ha sparato lo ha fatto più volte; vista, inoltre, la dinamica, è quasi certo che i proiettili siano stati sparati dall'alto, probabilmente da un palazzo situato di fronte a quello dove era la 19enne.

All'ospedale di Aversa è, inoltre, arrivato un ragazzo con due falangi mancanti. I vigili del fuoco hanno effettuato numerosi interventi, accorrendo per roghi in appartamenti a Caserta, San Nicola la Strada, Casagiove e Casapulla, e per l'incendio di bidoni della spazzatura, quasi tutti episodi causati dall'uso irresponsabile dei botti.

Ultimo aggiornamento: 2 Gennaio, 08:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA