Carabiniere investito e ucciso a Caserta:
arrestato il pirata 21enne drogato al volante

Mercoledì 23 Settembre 2020 di Marilù Musto

La città di Capua è sconvolta. Formicola anche. Le due città si sono strette in un abbraccio ideale nel ricordo di Antonio Montaquila, 38enne maresciallo dei carabinieri in servizio alla stazione dell'Arma a Formicola, è stato investito e ucciso da un'auto a Capua, mentre faceva jogging. Il militare è morto sul colpo. La polizia stradale, che indaga sull'accaduto, nella notte ha arrestato il conducente della vettura, un 21enne del posto risultato positivo al test per l'uso di sostanze stupefacenti. Era in auto con un amico.

Dai primi accertamenti effettuati, sembra che il giovane abbia perso il controllo dell'auto, che andava ad alta velocità, finendo sul marciapiede, dove in quel momento il 38enne carabiniere stava correndo.

Montaquila lascia la moglie e un figlio di 6 anni; da poco era stato trasferito dalla compagnia di Capua alla stazione di Formicola, dove avrebbe dovuto svolgere il ruolo di vice-comandante. Grande commozione tra i colleghi; Montaquila, originario di Vairano Patenora, viene ricordato come un professionista serio e dedito al suo lavoro, che si faceva voler bene e rispettare da tutti.
Sua un'inchiesta sullo spaccio di droga a Capua, che portò a numerosi arresti. 

Ultimo aggiornamento: 12:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA