Carabiniere ucciso, il collega ferito:
«Perdonare? Adesso non saprei»

«Adesso non saprei». Così il carabiniere Pasquale Casertano risponde ai giornalisti che gli chiedono se è pronto a perdonare chi ha ucciso il maresciallo Vincenzo Di Gennaro e ha ferito lui nell'agguato di Cagnano Varano il 13 aprile scorso. «Conoscevo Giuseppe Papantuono - racconta dal suo letto d'ospedale - poiché è un pregiudicato, ma mai l'avrei immaginato capace di fare una cosa del genere».
Giovedì 18 Aprile 2019, 18:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2019-04-19 09:56:46
Che domande idiote! Il perdono è qualcosa di personale che concede la vittima non altri altrimenti è buonismo ed in casi come questo rasenta la complicità.
2019-04-19 07:58:59
Forse siamo ad oggi le comiche,chiedere se e pronto a perdonare ,uno che ammazza un carabiniere ne ferisce un'altro e in questo paese si chiede il perdono per l'assassino,non si può andare avanti cosi,è troppo sconvolgente il tutto
2019-04-19 07:07:20
La religione è un argomento serio la domanda è stupida, molto stupida: perdoneresti chi ti ha sparato ed ammazzato il tuo collega? Un fondamentalista religioso, e ce ne sono molti, risponderebbe di si perchè c'è scritto da qualche parte "porgi l'altra guancia" ossia fatti risparare e magari ammazzare un altro collega. Una persona normale avrebbe molti dubbi.

QUICKMAP