Caserta, arrestato allevatore:
aveva incendiato un bosco a settembre

Giovedì 15 Ottobre 2020

Carabinieri del Nipaaf di Caserta e i militari della stazione Forestale di Vairano Patenora (Caserta) hanno eseguito una misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal gip di Santa Maria Capua Vetere su richiesta della Procura sammaritana, nei confronti del titolare di un allevamento ovi-caprino di San Felice a Cancello, in provincia di Caserta.

LEGGI ANCHE Napoli Est, consigliere municipale contagiato: sede chiusa e servizi fermi

L'uomo è ritenuto responsabile di aver causato, lo scorso 13 settembre e in concorso con una persona non identificata, un incendio boschivo di circa 20mila mq in località Castello di Arienzo, facente parte del complesso collinare del Monte Vorrano. Secondo quanto ricostruito nelle indagini, l'uomo avrebbe utilizzato un ordigno incendiario ad accensione diretta, con conseguente danno grave su un'area protetta e sottoposta a vincolo idrogeologico, paesaggistico e tutelata in quanto ricadente nell'area di riserva controllata del Parco regionale del Partenio. Dalle indagini è emerso «un inequivoco interesse storico dell'indagato sul Monte Vorrano, essendo dedito da decenni alla pastorizia nel limitrofo territorio comunale di Santa Maria a Vico e nel territorio del Monte Vorrano, fra Arienzo e San Felice a Cancello, nel cui comprensorio collinare è sita la località Castello di Arienzo». 

Ultimo aggiornamento: 16:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA