CORONAVIRUS

Caserta, il Covid allenta la presa
Meno contagi, tanti guariti

Mercoledì 2 Dicembre 2020 di Ornella Mincione


Sono 929 guariti quelli accertati dall'Asl di Caserta nelle ultime 24 ore. Mentre sono 270 i nuovi positivi accertati nello stesso arco di tempo. E purtroppo 3 decessi. Un parallelo che mette ben in evidenza il trend del contagio, già abbastanza chiaro nell'ultima settimana. Intanto, insieme all'aumento dei guariti che schiaccia di fatto il numero dei nuovi infetti, dai presidi ospedalieri del territorio sono confermate le confortanti notizie rispetto a posti letto finalmente liberi e lo sfollamento delle ambulanze davanti ai Pronto Soccorso.
Una nuova condizione degli ospedali e della rete di emergenza che porta benefici su tutta la rete assistenziale. Ora, infatti, si può ristabilire quel circuito virtuoso per cui il paziente Covid seguito a livello domiciliare può essere trasferito in un presidio dedicato in caso di un aggravamento delle condizioni cliniche. Ciò comporta anche una migliore gestione del paziente da parte del medico del presidio Covid da un lato e del Team Covid dall'altro. Già dieci giorni fa questo circuito virtuoso non era possibile perchè il paziente positivo che stava a casa non poteva essere trasferito nei presidi Covid del territorio in caso di peggioramento delle condizioni cliniche, per mancanza di posti letto disponibili. Dunque, veniva accompagnato nei Pronto Soccorso, dove per questa ragione si configurava la fila di ambulanze in attesa di poter «sbarellare» il paziente. Al fine di decongestionare tale situazione, il paziente positivo veniva temporaneamente accompagnato all'Obi dei Pronto Soccorso, ossia all'Osservazione Breve intensiva, dove restava fin quando non si trovava una opportuna allocazione in un posto letto dedicato all'assistenza Covid. Quest'ultimo scenario non si sta verificando già da una settimana, grazie al nuovo andamento dei contagi.

LEGGI ANCHE Usura, blitz nel Napoletano: scacco a un'organizzazione criminale, 5 misure cautelari

Non c'è l'affanno dell'assistenza su tanti pazienti, risultati tutti positivi nel giro di 24 ore. Ora il numero maggiore è quello che riguarda i guariti. Ragion per cui il medico e l'equipe dei Team Covid può gestire con minore stress il paziente e l'evoluzione dei sintomi e complicanze dovute al Coronavirus. aA netto dei contagi, resta da risolvere comunque il nodo reclutamenti.

Video

Molti sono gli operatori sanitari, medici, infermieri e altre figure, che per tanti motivi e soprattutto perchè infettati essi stessi dal Covid, non prestano servizio, provocando un serio problema per la loro sostituzione. Ecco perchè l'Asl casertana si sta attivando attraverso vari provvedimenti, pubblicati tutti sull'albo pretorio aziendale, per assumere personale necessario alla garanzia del servizio. Si tratta di infermieri, medici di diverse specializzazioni, tecnici e amministrativi: tutte figure che l'azienda sanitaria di Caserta sta cercando di reclutare attraverso diverse formule come avvisi pubblici o convenzioni per l'utilizzazione di graduatorie esterne. Molti contratti proposti sono anche a tempo indeterminato ma è chiaro che la maggior parte di queste figure occorrono principalmente in questo momento emergenziale.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA