Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cantiere stradale «invisibile»
nel Casertano: 7 denunciati

Giovedì 11 Agosto 2022
Cantiere stradale «invisibile» nel Casertano: 7 denunciati

Scoperto a Caserta un cantiere stradale invisibile posto al termine di un rettilineo senza alcuna possibilità di visuale per i mezzi in transito, in cui vi lavorava in subappalto una società in amministrazione giudiziaria, dopo il sequestro avvenuto nell'ambito di un'indagine della direzione distrettuale antimafia di Napoli su un giro di appalti finiti a ditte vicine al clan dei Casalesi.

Lo hanno scoperto a Capodrise gli agenti della polizia di stato, che al termine dell'attività hanno denunciato sette persone tra responsabili e lavoratori del cantiere. In particolare i poliziotti di Marcianise hanno notato il cantiere durante un'attività di controllo del territorio. Sul posto erano presenti cinque operai, non protetti da alcun dispositivo di sicurezza, intenti ad effettuare dei lavori di scavo al manto stradale, il tutto senza alcuna segnaletica di preavviso per gli automobilisti. I poliziotti hanno riscontrato anche l'assenza di autorizzazione e di dati riconducibili all'attività svolta nel cantiere.

Poco dopo si sono presentati in ufficio i due responsabili della società di Villa Literno che ha avuto l'appalto per i lavori dal comune di Capodrise, che sono stati denunciati. Tra questi figura il 44enne Nicola Schiavone, con precedenti per associazione camorristica. I due imprenditori hanno ammesso che ad operare nel cantiere c'era anche un'altra società, di Casal di Principe sottoposta ad amministrazione giudiziaria dopo che nel maggio scorso il titolare, l'imprenditore 44enne Antonio Magliulo, era finito in manette nell'ambito dell'indagine sui Casalesi. In strada, a lavorare, c'era il fratello di Magliulo, Fabio, di 34 anni, che è stato denunciato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA