Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

“Le notti della meraviglia” alla Reggia
ma i sindacati: «Non c'è personale»

Venerdì 8 Luglio 2022
“Le notti della meraviglia” alla Reggia ma i sindacati: «Non c'è personale»

Da stasera, e per tutti i venerdì di luglio, sono di scena alla reggia di Caserta Le notti della meraviglia, una serie di appuntamenti serali relativi alla mostra Frammenti di paradiso - giardini nel tempo, inaugurata lo scorso primo luglio. Sarà possibile visitare l'esposizione negli appartamenti della regina che raccoglie oltre 150 rappresentazioni dei giardini, dal rinascimento ai primi anni dell'ottocento arrivando poi ad un selezionato nucleo di opere di artisti contemporanei, percorrendo e scoprendo diversità di paesaggi, modelli culturali e stili di vita. Sarà inoltre possibile proseguire nel percorso della mostra Il piccolo principe - Giuseppe Sanmartino alla reggia di Caserta, con il cerimoniale delle nascite dei reali al tempo dei Borbone.

Ma intanto la mostra Frammenti di paradiso finisce nel mirino dei sindacati, che da giorni protestano anche con astensione dal lavoro, per la cronica carenza di personale. Il sindacato Unsa, in una nota a firma del segretario nazionale Giuseppe Urbino, bolla come inopportuna l'allestimento della mostra mentre il personale della vigilanza non è più in grado di assicurare la tutela del complesso Vanvitelliano. «La carenza di personale alla Reggia -dichiara Urbino- è un problema denunciato da anni, ma sistematicamente ignorato dai vertici nazionali del ministero e dai dirigenti locali. Il Direttore della Reggia Tiziana Maffei - aggiunge - ha pensato bene di programmare la mostra dal primo luglio, periodo questo molto particolare considerato il numero ridotto di personale che si ridurrà ulteriormente per le meritate ferie. Il direttore Maffei - prosegue il sindacalista - tenta di fare le 'nozze con i fichi secchì, incaricando personale di supporto Ales e quindi, facendo fare da tappabuchi a questi lavoratori».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA