Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Casavecchia & Pallagrello wine festival:
tre giorni di degustazioni e visite in cantina

Martedì 28 Giugno 2022
Casavecchia & Pallagrello wine festival: tre giorni di degustazioni e visite in cantina

Tre giorni di degustazioni, iniziative, visite in cantina e spettacoli in un programma dedicato a due grandi vitigni autoctoni casertani. L’8, il 9 e il 10 luglio a Pontelatone  si terrà il “Casavecchia & Pallagrello wine festival”. 

L’evento avrà una formula itinerante nel centro storico di Pontelatone, con laboratori, seminari, spettacoli musicali di jazz e blues e mostre che si susseguiranno nei tre giorni della manifestazione a palazzo Galpiati, dove saranno esposte opere di artisti campani. Naturalmente protagonista sarà il vino e le cantine, in numero crescente rispetto alle ultime edizioni, ma anche il food, con una cucina selezionata rigorosamente a base di prodotti del territorio. Tra le novità in programma, i tour guidati in cantina in programma domenica 10 luglio, che si svolgeranno seguendo due percorsi: uno dedicato alle cantine di Caiazzo, Ruviano e Castel Campagnano, e l’altro alle realtà aziendali di Pontelatone, Formicola, Liberi e Castel di Sasso. 

«Riprendiamo con entusiasmo da dove eravamo rimasti con il Casavecchia wine festival – afferma il coordinatore Francesco Scaramuzzo – per proseguire il lavoro iniziato con Peppe Santagata e Nicola Sorbo con cui ideammo l’evento. Oggi da lì ricomincerò con un nuovo gruppo con l’obiettivo comune di valorizzare un territorio che ha enormi potenzialità.  Attraverso questo evento, creiamo un’occasione di incontro tra operatori del settore vitivinicolo, agroalimentare e turistico, sviluppando sinergie di promozione e commercializzazione. È necessario realizzare un’offerta turistico-enogastronomica che utilizzi solo ed esclusivamente risorse locali».

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA