Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Caserta, hub per i turisti, ristorante
e giardinetti: ecco la «nuova Pollio»

Mercoledì 30 Marzo 2022 di Luisa Conte
Caserta, hub per i turisti, ristorante e giardinetti: ecco la «nuova Pollio»

Area verde, servizi dedicati al turismo, uno spazio commerciale e un ristorante: parte così il rilancio dell'ex Caserma Pollio, il parcheggio in via Vittorio Veneto che da qualche giorno è stato chiuso agli automobilisti dopo l'assalto degli abusivi. La giunta del Comune di Caserta ha approvato la proposta di project financing per la riqualificazione e gestione dell'area comunale.

Il piano, proposto a novembre del 2020 con integrazione a marzo del 2021, è stato presentato dalla società Sea Services S.r.l., che aveva già in gestione il parcheggio prima della chiusura del rapporto, dopo la seconda proroga, lo scorso mese di gennaio. L'idea è di riqualificare l'area dell'ex Caserma Pollio di proprietà del Comune, destinata attualmente interamente a parcheggio, al fine di adeguare l'offerta sempre crescente di posti auto nei pressi della Reggia integrandola, però, con servizi dedicati al turismo ed al verde attrezzato, realizzando così uno spazio che possa essere di interesse strategico per l'intera città di Caserta e diventare anche un punto di incontro per il tempo libero.

«Si tratta della riqualificazione di un'area della città che verrà riorganizzata secondo la sua vocazione turistica e ricettiva garantendo spazi e servizi adeguati per i residenti e i turisti a costa zero per il Comune, al quale sarà garantito un aggio», afferma il vicesindaco Emiliano Casale, che spiega: «E' stato l'unico progetto presentato nell'ultimo anno e mezzo e lo abbiamo ritenuto idoneo e soddisfacente. Dunque adesso appena completato l'iter sarà bandita la gara per l'appalto alla quale potranno partecipare tutte le ditte interessate. Suppongo che entro l'estate sarà assegnato il progetto e per la prossima primavera la nuova area parcheggio sarà operativa».

Ottimista l'assessore che da tempo segue la questione dell'area di sosta dell'ex caserma e che annuncia anche «l'annullamento della gara per la gestione annuale del parcheggio in via Vittorio Veneto perché dice la riteniamo ora superata». Il progetto di fattibilità tecnico-economico ha convinto sindaco, assessori e dirigente che lo hanno approvato, dopo aver ottenuto tutti i pareri favorevoli necessari, a seguito di un incontro tenutosi lunedì poco prima della riunione di giunta con la stessa ditta proponente. Si tratta di un piano ad impatto zero perché è costituito da una superfice all'aperto, che è pari al 90%, e da un blocco servizi per il turismo che sarà realizzato all'interno di uno dei due manufatti di archeologia industriale esistenti, sui quali non si interverrà né in merito alla volumetria né rispetto alla struttura originaria. Previsto uno spazio centrale attrezzato a verde con percorsi pedonali che consentano di spostarsi da una parte all'altra del parcheggio, che sarà modulato in modo differente e che potrà ospitare anche caravan per soste più o meno lunghe.

Sotto la pensilina centrale sarà organizzato uno spazio commerciale e gestionale che si svilupperà su due piani, che prevede un ufficio per il controllo del parcheggio, un info point con vendita di souvenir, un garden book shop con annesso ristorante con terrazza e una sala multifunzionale espositiva. L'intervento prevede anche l'adeguamento degli impianti elettrici, dell'illuminazione e delle reti fognarie oltre all'ammodernamento dell'impianto di videosorveglianza e della diffusione sonora. L'ex Caserma dovrà rappresentare, secondo le intenzioni, una zona di servizio per i cittadini e i turisti e garantire dunque alcune prestazioni aggiuntive, con particolare attenzione alla mobilità green, quali per esempio postazioni di ricariche elettriche e bike sharing.

La convenzione parla di una concessione dell'area per venti anni. Per il Comune è fissato un canone di 100mila euro per il primo anno, 150mila per il secondo e 200mila per le annualità successive da corrispondere con cadenza annuale posticipata a partire dall'anno di gestione. I tempi di realizzazione sono stati stimati in dieci mesi. All'Ente è stato presentato un cronoprogramma dal quale si evince che per i soli lavori di ristrutturazione sono necessari 180 giorni. Trenta dall'ultimazione degli stessi all'inizio della gestione. Stabilito anche un tariffario: per le auto e le moto il costo per la sosta sarà di 2 euro per la prima ora e 1,5 per quelle successive. Per le aree di parcheggio camper di 25 euro al giorno, comprensivo di tutti i servizi (come impianto di raccolta acque nere, fontanelle con acqua potabile, energia elettrica).

© RIPRODUZIONE RISERVATA