Maltempo a Caserta, pioggia sulle scuole
e il sindaco ordina: «Stop alla riapertura»

Lunedì 28 Settembre 2020 di Fabrizio Arnone

Sono state chiuse ieri sera le scuole dell'infanzia, le scuole primarie e secondarie di primo grado della città di Caserta e gli istituti superiori. Il provvedimento del sindaco Carlo Marino per poter procedere a una verifica delle condizioni strutturali del verde che li circonda. Esempio seguito in serata da San Nicola La Strada. «La sicurezza dei nostri figli viene prima di tutto - ha commentato Marino -. La bomba d'acqua che si è abbattuta sulla città e le previsioni per la notte non ci lasciano tranquilli. Prima di far rientrare bimbi e ragazzi in classe dobbiamo essere certi che le scuole siano perfettamente in ordine». Restano escluse dall'ordinanza sindacale le scuole private, le cui responsabilità di verifica e controllo spettano ai titolari.

«È un ulteriore atto di cura e di attenzione del contesto scuola che arriva da questa amministrazione comunale - ha detto l'assessore alla Pubblica Istruzione Adele Vairo -. Il maltempo che si è abbattuto in queste ore sulla città ha reso necessario questo provvedimento. Tutti i plessi saranno ovviamente aperti per consentire ai tecnici comunali di effettuare i sopralluoghi e risolvere nell'immediatezza i problemi. Come assessori siamo tutti allertati affinché già nella giornata di lunedì si possano risolvere tutti i problemi che di volta in volta ci verranno segnalati dai Dirigenti Scolastici alla riapertura degli edifici».

LEGGI ANCHE Riapertura scuole a Napoli, pulizie anche di domenica a Pianura 

Non quindi un provvedimento di chiusura di tutte le scuole, come è avvenuto in passato a causa dell'allerta meteo, ma una decisione limitata ai soli edifici di competenza comunale e solo per consentire le verifiche necessarie per riaprire le scuole in sicurezza. Occorre ricordare che lo scorso anno scolastico a causa del maltempo si sono susseguiti numerosi problemi nelle aule: cadute di intonaco sui banchi, acqua piovana ovunque e rami di alberi abbattuti nelle aiuole. Per l'inizio del nuovo anno scolastico, quindi, la parola sarà prevenzione. E sempre in tema di prevenzione, la riapertura delle scuole e l'avvio in città dell'anno scolastico inizia con vere e proprie sfide per i cittadini. L'ondata di maltempo che ha travolto Caserta oltre agli abituali allagamenti di strade e sottopassi, ha fatto spezzare rami delle palme di viale Medaglie d'Oro. Per questo, in via preventiva, i vigili del fuoco e la polizia municipale di Caserta hanno transennato l'area restringendo la carreggiata, fino al termine delle operazioni di verifica dello stato delle piante e fino, quindi, al ritorno in sicurezza della zona. Un restringimento che inevitabilmente avrà comunque ripercussioni anche sulla viabilità cittadina già solitamente molto provata durante gli orari di ingresso e di uscita da scuola. A questo va aggiunto il maltempo che rende quasi impossibile attraversare la città senza essere costretti a blocchi di traffico che durano anche diverse decine di minuti. Il nuovo anno, quindi, non inizia on le migliori condizioni. Per oggi era prevista l'apertura delle scuole che, all'ultimo, ieri sono state chiuse.
 

Video

L'anno scolastico per gli studenti del primo anno di scuole superiori e per gli alunni delle scuole non sede di seggio elettorale è già iniziato la scorsa settimana, tra giovedì e sabato. Una riapertura diversa dall'ordinario che ha imposto mascherina nelle aree comuni, divieto di assembramento, distanza interpersonale. Ma anche l'utilizzo di varchi di accesso diversificati e ingressi scaglionati in base all'orario. La scuola è completamente cambiata rispetto a quella dello scorso anno didattico. All'emergenza Covid che ha già costretto le scuole ad attrezzarsi con dei team predisposti ad hoc per gestire l'emergenza, si aggiunge anche il periodo invernale. Pioggia e freddo che difficilmente riuscirà a far stare nei cortili degli istituti i tanti studenti che prima di accedere a scuola devono farsi misurare la febbre.

Ultimo aggiornamento: 12:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA