Aversa, banda del buco in gioielleria: fermati 19enne e 33enne napoletani

Il gruppo era formato da cinque banditi, di cui uno fungeva da palo

I due rapinatori napoletani arrestati ad Aversa
I due rapinatori napoletani arrestati ad Aversa
Lunedì 7 Novembre 2022, 19:43 - Ultimo agg. 8 Novembre, 06:05
2 Minuti di Lettura

La polizia di Stato ha sottoposto a fermo un 19enne e un 33enne di Giugliano in Campania con l'accusa di aver fatto parte della «banda del buco» che il 20 luglio scorso, in pieno giorno, rapinò una gioielleria di Aversa. I banditi sbucarono da un foro praticato nel pavimento dell'attività, mentre all'interno c'erano il proprietario ed un cliente, che furono immobilizzati e chiusi nel bagno; i malviventi razziarono gioielli e altri preziosi, tra cui il rolex indosso al cliente, e fuggirono poi dallo stesso buco. Il valore del bottino fu di circa 300mila euro. Dalle indagini, coordinate dalla Procura di Napoli Nord, è emerso che il gruppo era formato da cinque banditi, di cui uno fungeva da palo; i rapinatori realizzarono una scavo collegato all'impianto fognario della zona, riuscendo così a raggiungere il pavimento delle gioielleria.

Determinante per iniziare ad identificare i responsabili sono state le immagini delle telecamere di videosorveglianza interna e i sopralluoghi della polizia scientifica, che hanno permesso di repertare una macchia di sangue, da cui il gabinetto interregionale di polizia scientifica di Napoli ha estrapolato una traccia di dna maschile che, comparata con la banca dati Nazionale, ha permesso di identificare il 33enne di Giugliano. Durante alcune perquisizioni inoltre i poliziotti della squadra mobile di Caserta e del Commissariato di Giugliano hanno trovato a casa di un 19enne, oggetti probabilmente usati durante il colpo, ovvero materiale utile agli scavi come le torce e altri utensili, munizioni per pistole, un fucile, radio ricetrasmittenti, un jammer per inibire le comunicazione radio e telefoniche; il 19enne è stato quindi fermato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA