Caserta, spaccio in caserma:
Cassazione condanna 2 bersaglieri

Venerdì 15 Aprile 2022
Caserta, spaccio in caserma: Cassazione condanna 2 bersaglieri

Confermate dalla Cassazione le accuse di spaccio di cocaina dentro e fuori dalla caserma dell'ottava brigata Garibaldi dei bersaglieri di Caserta, - con episodi di tangenti in coca pagate ai commilitoni sanitari incaricati di fare i drug test - nei confronti del caporalmaggiore Luigi Santonastaso condannato a 5 anni e due mesi e 30mila euro di multa, e della sua compagna, la soldatessa Roberta Rossini. La donna era stata condannata in primo e secondo grado a tre anni e sei mesi di reclusione e 20 mila euro di multa, adesso però la Cassazione pur confermandone il coinvolgimento nella vicenda - era suo il 'drug test' positivo all'uso di stupefacenti per alterare il quale si era fatto ricorso alla tangente in coca del valore di 200 euro - ha aperto alla possibilità che la sua condanna possa essere ridotta in un appello bis che dovrà valutare se le si possa concedere l'attenuante dello spaccio di «lieve entità».

Il beneficio è stato chiesto agli ermellini dal legale della donna, l'avvocato Lorenzo Marcovecchio, e la Cassazione - sentenza 14510 della sesta sezione penale - ha rilevato che la sua concessione «non è incompatibile con lo svolgimento di spaccio di stupefacenti non occasionale ma continuativa». La Corte di appello di Napoli, in altra composizione, valuterà adesso se rivedere il «trattamento sanzionatorio» per la Rossini. Niente da fare per il ricorso della difesa di Santonastaso, dichiarato «inammissibile» in quanto in appello la sua pena era stata determinata «su accordo delle parti» e ridotta rispetto agli originari 6 anni e 6 mesi di reclusione. Una decina, a vario titolo, i commilitoni implicati in questo giro di droga, tra assuntori di stupefacenti e 'facilitatorì nel manomettere i test delle urine e avvertire della effettuazione dei controlli.

Video

Non tutto era filato, liscio: il verdetto della Cassazione ricorda infatti che un primo tentativo di sostituire la provetta della urine positiva con una negativa era fallito per l'opposizione del maresciallo Laura Castelli, addetta alla infermeria. Ma poi la coppia trovò aiuti 'compiacentì . Il processo di primo grado si è svolto presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, il secondo davanti alla Corte di Appello di Napoli che ha pronunciato sentenza di condanna il 17 febbraio 2021. I fatti sono avvenuti tra Caserta e Maddaloni nel 2013 e nel 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA