Caserta, la protesta degli immigrati
per il permesso di soggiorno

Venerdì 20 Maggio 2022
Caserta, la protesta degli immigrati per il permesso di soggiorno

Tornano a mobilitarsi per i permessi di soggiorno e l'inclusione socio-economica gli immigrati del Casertano, in particolare quelli che vivono a Castel Volturno, comune del litorale dove sono presenti da anni molte migliaia di migranti, perlopiù africani, che vivono in condizioni di irregolarità, sfruttati per lavori in nero o dalla criminalità.

Domani 21 maggio ore 10, il centro sociale «Ex canapificio», il movimento migranti e rifugiati di Caserta e il comitato Città viva, terranno un presidio pubblico in piazza della prefettura a Caserta in cui lanceranno la «primavera antirazzista» e rivolgeranno alle Istituzioni l'appello «ad applicare senza freni né trappole burocratiche - fanno sapere gli organizzatori - la normativa prevista per erogare il permesso di soggiorno per protezione speciale ai tantissimi che sono ancora nel limbo dell'invisibilità, senza diritti né protezione.

Video

Gli immigrati sono stanchi di essere discriminati e di vivere in territori dimenticati dalle istituzioni come Castel Volturno, dove dopo due di decreti sicurezza e due anni di crisi pandemica, migliaia di migranti e rifugiati sono ormai allo stremo. Scriviamo insieme pagine nuove, contro ogni guerra, per una accoglienza dignitosa per tutti, nessuno escluso e senza differenze tra chi scappa da guerra e povertà».

Al presidio sarà chiesta anche «l'attivazione di un tavolo dedicato alla rigenerazione e all'inclusione dell'area di Castel Volturno, per la quale servono investimenti sociali, fondi per l'emersione, per l'alfabetizzazione e la riqualificazione urbana, per i trasporti e la formazione professionale». Il presidio è “un antipasto” del corteo che si terrà a Caserta sabato 18 giugno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA