Contrassegni per sordi,
ecco la delibera svanita

Domenica 1 Dicembre 2019 di Mariamichela Formisano
Sepolta da un anno sotto una montagna di email, è stata riesumata ieri la delibera di Giunta che autorizza gli oltre 200 sordi di Caserta ad esporre uno specifico contrassegno sul lunotto posteriore della propria automobile. E considerato che ha validità di tre anni il contrassegno che di fatto differenzia i non udenti da altri soggetti con handicap, è consigliabile affrettarsi nell'avvio delle pratiche per il rilascio.

Ed è stato il caso a volere che la tanto sperata autorizzazione, richiesta da Anny Tronco in qualità di presidente della Alphabet Onlus, riemergesse dalla mole delle comunicazioni ricevute per posta elettronica in un anno. Infatti è stato il caso a volere qualche giorno fa che il consigliere comunale Pd Antonio Ciontoli, promotore dell'iniziativa insieme al comandante della Polizia Municipale di Caserta Luigi De Simone, si decidesse a cancellare un po' di vecchie email dal suo computer. Et voilà, la delibera datata 27 dicembre 2018 è saltata fuori, ma un dubbio resta: è stata mai inoltrata o almeno comunicata alla referente dei non udenti della città? Domanda che non trova risposte, almeno da parte di Anny Tronco che oggi preferisce solo ringraziare il consigliere Pd che, nel dubbio, gliel'ha inviata su WhatsApp. Certo è che la delibera, come per legge, fu affissa e pubblicata online in Albo Pretorio fin dal giorno dopo l'ok della Giunta, ossia dal 28 dicembre 2018. E tra i tanti progetti messi in campo negli anni dall'associazione Alphabet di Caserta, questo capita proprio al momento giusto.

Soprattutto dopo la lettera della turista disabile in visita a Caserta che, tra i tanti disagi vissuti in città, si è beccata anche due multe nonostante l'esposizione del contrassegno dedicato ai disabili al volante. E ai parcheggi riservati a disabili ma occupati da incivili, ai marciapiedi sconnessi e privi di rampe, ea tutto quello che la turista disabile ha fotografato nella sua lettera indignata alla città, si sommano anche le difficoltà specifiche di chi guida senza poter udire ciò che gli succede intorno. Di questo prese atto già l'anno scorso la Giunta di Carlo Marino, confermando i rischi che può determinare a se stesso e agli altri una persona impossibilitata a percepire anche solo il suono delle sirene di ambulanze e forze dell'ordine, oppure i clacson delle auto che segnalano pericolo o trasporto di feriti e malati gravi. Da qui l'ok della Giunta ad istituire anche a Caserta, nonostante non sia previsto dal vigente Codice della Strada, il Contrassegno Persona Affetta da Sordità (CO.P.A.S.), ben differenziato dagli altri in uso ai soggetti portatori di handicap.

Quello dedicato ai sordi, infatti, è su cartoncino azzurro plastificato 20x20 con un orecchio stilizzato di colore bianco, così come previsto dal Decreto del Presidente della Repubblica datato 24 luglio 1996. Per richiederlo al Comune di Caserta, settore Traffico e Mobilità, occorrerà compilare un modulo prestampato al quale allegare un certificato medico attestante la sordità, la copia della patente di guida, e attendere che l'istanza venga accolta. © RIPRODUZIONE RISERVATA