CORONAVIRUS

Covid a Caserta, crescono i guariti
ma di nuovo troppi i morti: 24

Mercoledì 25 Novembre 2020 di Ornella Mincione

Se lunedì era il giorno nero, quello di ieri è di un colore non definibile: sono 24 i decessi registrati dall'Asl di Caserta nel report pubblicato ieri. Ed è facile calcolare la media di un paziente morto ogni ora per l'intero arco di una giornata. Un dato che sconforta al di là di ogni tipo di valutazione dell'emergenza Covid in terra di Lavoro.

Con questo, anche il dato dei nuovi contagiati: 469, decisamente meno rispetto a quelli contati fino alla settimana scorsa quando è stata superata perfino la soglia dei 1.000. Poi c'è il numero del conforto, quello che nella realtà dei fatti lotta contro quello dei decessi. Le guarigioni nello stesso arco di tempo dei 24 decessi, sono state 815, il doppio rispetto ai contagiati. un raddoppio che si ripete per il secondo giorno consecutivo. 

Il balzo in avanti dei decessi è più spaventoso rispetto a quelle delle guarigioni. Il numero totale dei primi ora è 251, mentre quello dei guariti è 9.998. Dal 29 ottobre ad oggi son o morte 161 persone per o con Coronavirus, mentre circa 8.000 sono guarite. Considerando che oggi sono 16.789 i positivi attuali, contro i 5.700 del 29 ottobre, tra i contagiati e i guariti c'è uno scarto di 3.000 infetti in più.

Chiaramente tra i contagiati bisogna considerare anche gli asintomatici, ovvero coloro che pur risultando positivi al Covid non hanno manifestato alcun sintomo dell'infezione in corso. Solo una parte di questi ha presentato sintomi gravi da dover essere necessaria l'assistenza ospedaliera.

Questo non è un dato che deve far sottovalutare il quadro dell'emergenza, perchè in proporzione aumentando i numeri dei contagiati, aumentano anche quelli dei pazienti più critici.

LEGGI ANCHE Miocarditi e ostruzioni delle arterie, così il virus infiamma il cuore

La parte dei pazienti che vive la propria malattia nelle loro case, viene monitorata dai Team Covid del territorio. Su tutta la provincia, però, la rete della presa in carico del paziente positivo a livello domiciliare non è sostenuta soltanto dai Team Covid, ma anche dai medici di Medicina generale, dai pediatri di libera scelta, dalle Usca e dal 118.

Come deve muoversi il cittadino e chi deve contattare lo spiega bene un file pubblicato qualche giorno fa dall'Azienda Sanitaria Locale di Caserta sul proprio sito ufficiale. Naturalmente l'azienda aveva già diramato notizie di questo tipo per l'utenza, ma quest'ultimo lavoro è aggiornato rispetto alla rimodulazione del sistema elaborato di recente dall'azienda stessa. Il file si trova all'apertura del sito e ci sono le risposte a tutte le domande più comuni che può porsi l'utente, dai sintomi ai numeri da chiamare in caso di necessità. 

Video

Ci sono anche le risposte per coloro che in qualità di contatto stretto non sanno o non hanno capito come comportarsi. Proprio per questi, sono specificate e spiegate tutte le condizioni per cui la persona può ritenersi a rischio o no, e anche a che livello di rischio di contagio rispetto al positivo conoscente.

È spiegato in modo semplice quali sono i test e gli esami diagnostici più attendibili per evidenziare la presenza del virus del Covid, sebbene ci siano quelli che necessitano di una conferma con il test molecolare (il tampone naso faringeo).

È precisata quale sia la circostanza in cui è necessario il certificato di guarigione e in che modo ricevere le consulenze cliniche. Ci sono, infine, i numeri di telefono di tutti i distretti, chiarendo quali comuni appartengono ai determinati distretti, in modo da non sbagliarsi. 

Ultimo aggiornamento: 12:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA