Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Delitto di Arce, spunta
la pista pedopornografica

Sabato 19 Febbraio 2022 di Angela Nicoletti
Delitto di Arce, spunta la pista pedopornografica

Un procedimento per reati pedopornografici che potrebbe divenire l'ago della bilancia nel processo a carico di Franco Mottola, l'ex comandante della stazione dei Carabinieri di Arce, nel Frusinate, accusato di aver ucciso, insieme alla moglie Anna ed al figlio Marco, la studentessa diciottenne Serena Mollicone. Il presidente della Corte d'Assise del tribunale di Cassino, Massimo Capurso, ha infatti chiesto alla pubblica accusa di poter visionare il fascicolo inerente la presenza di fotografie proibite rinvenute sul telefono del militare in congedo di Teano. «Un atto necessario a comprendere la personalità dell'imputato» ha spiegato Capurso.



L'udienza di ieri ha visto deporre il vice brigadiere Luigi Giobbe, l'esperto di sistemi informatici in servizio presso il comando provinciale dei carabinieri di Frosinone, che ha esaminato il contenuto dei pc e dei cellulari in uso ai cinque imputati. «Abbiamo esaminato oltre 30mila foto appartenenti al maresciallo Mottola - ha detto il sottufficiale rivolgendosi ai pubblici ministeri Maria Beatrice Siravo e Maria Carmen Fusco - ma solo una decina sono state di rilevanza investigativa. Tra queste alcune a sfondo pedopornografico, altre pornografico ed una raffigurante Yara Gambirasio (la 13enne assassinata in provincia di Bergamo nel novembre del 2010)». Nella memoria del telefono anche un video scaricato dalla rete e nel quale si vede un uomo che colpisce alla testa con il pugno destro una giovane donna. In aula a deporre l'attuale vice sindaco di Arce, l'imprenditore Sisto Colantonio che durante l'escussione è caduto più volte in contraddizione, tanto che il presidente Capurso si è visto costretto a chiedere l'invio degli atti in Procura. Colantonio, legato da amicizia di vecchia data con la famiglia Mottola, rischia di finire sotto processo per falsa testimonianza. Due sono i punti che non è riuscito a chiarire: l'aver visto Anna Mottola la sera della scomparsa di Serena Mollicone ed il percorso di accesso all'alloggio dei Mottola nella caserma di Arce. Andiamo per ordine: Sisto Colantonio, ascoltato dal magistrato nel 2018, ha dichiarato come si evince dai verbali di sit, che la sera del 1° giugno del 2001 non ha visto la moglie del comandante. Questo aspetto ha consentito alla Procura di ipotizzare l'assenza di un alibi per la donna. Ieri, nonostante fosse sotto giuramento, Sisto Colantonio ha clamorosamente smentito se stesso, sostenendo che quel giorno ed a quell'ora ha visto la donna.

Un altro punto sul quale è il testimone è caduto in contraddizione riguarda la strada di accesso alla struttura militare da parte dei civili. Nel verbale rilasciato negli anni passati il vice sindaco ha più volte ripetuto che a casa Mottola si poteva accedere in due modi: dal cancello riservato agli uffici e da quello principale. Ieri ha negato di aver mai detto una cosa simile. L'attenzione della Corte si è poi concentrato sul racconto di un venditore di auto del Casertano da cui la famiglia Mottola ha acquistato una macchina nell'aprile del 2005. «Ricordo che il maresciallo voleva rottamare una Lancia K che è stata trasportata presso la mia officina. Aveva il motore smontato. Ha acquistato una Lancia Libra e per diverso tempo la vecchia auto è rimasta nel deposito poi, non essendo noi autorizzati alla distruzione, è venuta a riprenderla». L'auto sparita secondo l'accusa potrebbe essere stata utilizzata per trasportare il corpo di Serena Mollicone. Il processo riprenderà il 18 marzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA