Don Michele, rete di vip per coprire gli abusi. C'è Moggi: convocato in Procura

ARTICOLI CORRELATI
di Mary Liguori

0
  • 245
Dopo l’interrogatorio del vescovo di Aversa, Angelo Spinillo, e dell’esorcista Carlo Dell’Aversano, i pm puntano ai vip. Don Michele Barone era ospite fisso in tv e lo si è visto spesso insieme a Claudia Koll e Sara Tommasi. I nomi delle due soubrette potrebbero a breve entrare nella lista dei testimoni, ma al momento la convocazione di cui si ha notizia è una, ed è quella di Luciano Moggi. 

L’ex direttore generale della Juventus entra in questa storia perché lo tira dentro proprio Barone. In una delle innumerevoli interviste rilasciate nel corso degli anni, il sacerdote di Casapesenna, cugino omonimo di un camorrista oggi pentito, dichiarò infatti ad Affari Italiani: «Nel 2004 ho conosciuto il direttore generale della Juventus Luciano Moggi. Ci siamo conosciuti al Santuario del Divino Amore e lì è nato un rapporto d’amicizia molto stretto tra me e lui, tanto che ogni volta in cui c’erano le partite, qualche ritiro, qualche situazione particolare per la squadra, era sempre disposto a invitarmi. Voleva che andassi lì a fare una preghiera per i calciatori, seguirli spiritualmente». L’intervista in questione fu rilasciata nel 2012. Quel legame, però, secondo la procura è andato avanti e sentire Moggi e gli altri personaggi famosi in qualità di testimoni potrebbe contribuire a delineare la reale dimensione degli affari che il sacerdote avrebbe gestito nel corso del tempo e non solo in Campania. 

La sua era una fitta rete di contatti che arrivavano lontano, nel jet set dello spettacolo e del pallone. Ma è dalle persone a lui più vicine e dai luoghi in cui aveva radicato il centro delle sue attività che stanno arrivando le informazioni che la squadra mobile di Caserta, diretta da Filippo Portoghese, ha iniziato a cercare sin dal luglio del 2017. Ed è il video in cui si vede un uomo apparentemente disabile picchiato sulla testa con una croce ad aver costituito, ieri, il momento clou della lunga udienza dinanzi ai giudici del Riesame di Napoli, chiamati a decidere se don Michele Barone e il poliziotto Luigi Schettino possono tornare liberi.

Il filmato era sul pc del sacerdote accusato di abusi e maltrattamenti ai danni di una minore e, da due giorni, anche di averle procurato uno sfregio permanente. Nel corso delle perquisizioni al tempio di Casapesenna e in altri luoghi frequentati dal sacerdote sono però stati trovati anche altri video choc. Immagini che immortalano quelli che sembrano degli esorcismi e che, secondo l’accusa, Barone custodiva allo scopo di farne, di volta in volta, una sorta di «spot» per accreditarsi quale grande esorcista e religioso in grado di scacciare il diavolo.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 14 Marzo 2018, 23:00 - Ultimo aggiornamento: 15-03-2018 19:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP