Elezioni a Sessa Aurunca,
Di Iorio vince sui rivali

Martedì 5 Ottobre 2021 di Pierluigi Benvenuti
Elezioni a Sessa Aurunca, Di Iorio vince sui rivali

Sembra essere già chiusa al primo turno la sfida per l'elezione del nuovo sindaco di Sessa Aurunca con l'affermazione di Lorenzo Di Iorio. Manca solo l'ufficialità; lo scrutinio dei voti nelle trentadue sezioni distribuite nelle ventisette frazioni del territorio procede molto a rilento e pare destinato a chiudersi a notte fonda. La complessità del meccanismo di voto, con le preferenze di genere e il voto disgiunto, spiega solo in parte il prolungarsi delle operazioni. In alcuni seggi, in particolare nel centro storico della città, si sono registrare delle difficoltà e in una, in particolare, lo spoglio dei voti sarebbe iniziato con più di un'ora di ritardo.

Procede con lentezza anche l'aggiornamento dei dati e la comunicazione dei dati da parte del Comune al Ministero. Sia la prima comunicazione ufficiale, relativa a ventuno sezioni, che soprattutto i dati ufficiosi raccolti dai diversi candidati nei propri comitati elettorali, sembrano certificare l'affermazione del candidato del Partito Democratico. Secondo i numeri reali, Lorenzo Di Iorio si attesterebbe addirittura sopra il 57% dei consensi; Silvio Sasso sarebbe intorno al 22% e Antonio Fusco è accreditato del 21%.

I numeri ufficiosi, relativi ad oltre l'80% delle schede, vogliono Di Iorio intorno al 53% e i suoi due avversarsi attestarsi entrambi intorno al 23%, con Fusco addirittura in leggero vantaggio su Sasso. Fonti vicine a Di Iorio prudenzialmente accreditano il candidato di una percentuale finale superiore al 51% e, quindi, ben al di sopra del quorum richiesto per festeggiare già da subito la vittoria ed evitare così il ballottaggio. Lorenzo Di Iorio ha seguito lo scrutinio insieme al suo principale sponsor e alleato, il presidente del Consiglio regionale della Campania, Gennaro Oliviero, nell'abitazione di quest'ultimo. Erano in costante contatto telefonico con i diversi comitati e hanno fino all'ultimo tenuto a bada, scaramanticamente forse, l'euforia dei sostenitori che non aspettavano altro che poter brindare a un successo da molti dato per certo fin dalla vigilia, vista la corazzata: 8 liste a sostegno di Di Iorio alla guida di un'alleanza ampia di solidarietà locale che va dal Pd a Forza Italia ai moderati di Giovanni Zannini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA