Laboratorio di fuochi d'artificio
nel soggiorno di casa: ai domiciliari

Venerdì 29 Novembre 2019
Assemblava pericolosi fuochi sul tavolo da pranzo della sua abitazione, un appartamento di un edificio a Vitulazio composto da tre piani tutti abitati, il 41enne M.C., di Mondragone arrestato (con il beneficio dei domiciliari) dai militari del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Caserta. Le Fiamme Gialle hanno sequestrato migliaia di ordigni già confezionati, insieme alle attrezzature e ai semilavorati pronti per l'assemblaggio. Fuochi pirotecnici di vario genere e pericolosità, tenuti in casa in spregio delle più elementari forme di sicurezza, grazie ad un laboratorio improvvisato nel soggiorno.

In particolare, le Fiamme Gialle hanno sequestrato circa 3.000 articoli pirotecnici già pronti per la successiva vendita sul mercato «nero», tra cui circa 1.000 fuochi del tipo «Super Cobra 6», prodotto professionale che per la sua pericolosità non è destinato alla libera vendita, nonché circa 2.000 «Trac Rendino», petardo che dovrebbe essere acquistato, sempre se prodotto secondo le indicazioni di legge, solo da maggiorenni, e, infine, alcune bombe carte denominate  «Cipolle».

I finanzieri si sono trovati di fronte un vero e proprio laboratorio illegale con tanto di polveri esplosive già miscelate e tenute senza alcuna precauzione sul tavolo della sala da pranzo, dove era stata approntata un'artigianale linea di produzione con pressa meccanica e calcatoio per la fabbricazione di fuochi pirici di vario genere.
© RIPRODUZIONE RISERVATA