Pesca in gommone nell'oasi protetta,
blitz dei carabinieri: 2.000 euro di multa

Giovedì 15 Aprile 2021
Pesca in gommone nell'oasi protetta, blitz dei carabinieri: 2.000 euro di multa

Stavano pescando all'interno dell'oasi naturale Le Salicelle. I carabinieri della Forestale di Caserta notavano un’autovettura in sosta al cui interno vi era un cittadino straniero di nazionalità ucraina e, a qualche metro di distanza, sullo specchio d’acqua, una fila di galleggianti che lo attraversava, mostrando chiaramente la presenza di una rete da pesca utilizzata per una battuta di pesca di frodo in corso.

I carabinieri chiedevano allora al cittadino ucraino se la rete da pesca fosse di sua proprietà. Lo stesso confermava che stava svolgendo una battuta di pesca con l’utilizzo della rete, aggiungendo di essere in compagnia di un suo amico che poco prima l’aveva posizionata nell’acqua, con un gommone. A seguito di perlustrazione a piedi lungo la sponda del bacino dell’oasi al fine di rinvenire ed identificare l’altro soggetto, si notava una persona che scappava nei campi adiacenti dopo aver abbandonato il gommone sull’altra sponda del bacino idrico, facendo perdere le proprie tracce all’interno della folta vegetazione.

A questo punto i  carabinieri recuperavano la rete e liberavano i pesci che vi erano rimasti intrappolati. Nei confrti del pescatore di frodo scattava una multa di 2000 euro mentre è in corso l'identificazione del suo complice.

 

Ultimo aggiornamento: 20:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA