Incendio di due baracche nei campi:
muore tra le fiamme un senzatetto

Sabato 13 Febbraio 2021
La baracca distrutta dal fuoco nelle campagne aversane (foto Frattari)

Un incendio è divampato nei campi tra Lusciano e Parete ed ha distrutto due baracche occupate da senzatetto. I vigili del fuoco, intervenuti per spegnere le fiamme che hanno interessato due baracche, hanno recuperato il corpo di un uomo. Non è stato ancora identificato ma dovrebbe essere un senzatetto, probabilmente un immigrato. Le cause, stando ai primi accertamenti dei vigili del fuoco, sarebbero accidentali. 

Video

 

Una tragedia dell'indigenza e della disperazione, legata probabilmente allo sfruttamento lavorativo nelle campagne del Casertano, da sempre fronte caldo del caporalato: una persona, probabilmente un bracciante agricolo di cui non si conoscono generalità e neanche il sesso - ma dovrebbe essere un uomo - è deceduta nella notte nell'inferno di fuoco della baracca di fortuna in cui sopravviveva.

Non era una baraccopoli quella di Lusciano, ma due baracche le cui fiamme si sono levate alte nella notte; a
poche decine di metri ce n'era un'altra disabitata e con all'interno degli attrezzi agricoli. Di queste piccole abitazioni di fortuna ne sono disseminate tante nelle campagne tra Caserta e Napoli. La tragedia, è emerso dai primi accertamenti realizzati dalla squadra di polizia giudiziaria dei Vigili del Fuoco di Caserta, sarebbe stata accidentale; probabilmente le fiamme sono state causate da una fuga di gas dalla bombola che la vittima usava per alimentare un fornello e per riscaldarsi.


I carabinieri di Lusciano hanno sequestrato l'area. Non è improbabile inoltre che la vittima dormisse; i vigili del fuoco del distaccamento di Aversa hanno l'hanno trovata sotto le lamiere annerite e ammassate, ormai carbonizzata, come se non avesse neanche provato a scappare. «Non è dignitoso morire in questo modo» ha detto il sindaco di Lusciano Nicola Esposito. «Abbiamo accertato che il terreno è gestito da un affittuario di
Lusciano, che ora dovrà chiarire la sua posizione con i carabinieri. E' probabile che la vittima fosse un bracciante, anche perché è stata trovata una bici bruciata». Per Giovanna Basile, segretario della Flai-Cgil Campania e Napoli, si tratta «dell'ennesima vittima invisibile della mancata politica di accoglienza nel nostro Paese». Mimma D'Amico, del Centro sociale ex Canapificio di Caserta, da sempre in prima linea per la tutela dei migranti, afferma che «pur non sapendo ancora se si tratti di donna o uomo, si può però immaginare che si tratti di una persona fragile, senza relazioni sociali tali da garantirgli un riparo presso gli amici o un centro di accoglienza. Probabilmente un bracciante che doveva fare da guardiania al vigneto ed essere a disposizione per eventuali lavori di potatura».

 

Ultimo aggiornamento: 18:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA