Il flop dell'Interporto di Caserta:
il tesoretto in Nuova Zelanda

di Marilù Musto

0
  • 61
All'inizio c'era il sogno dello snodo commerciale e logistico che doveva essere uno dei più attivi del Sud: l'Interporto di Maddaloni-Marcianise. Poi, il sogno si è infranto contro i debiti con il Fisco (130 milioni) accumulati dal gruppo Barletta, gruppo di imprese che doveva realizzare il centro logistico: una porta di accesso di merci che garantiva ricchezza e sviluppo. Il decollo dell'area, in realtà, in parte c'è stato. Solo qualche mese fa il vicepremier Luigi Di Maio ha inaugurato il più veloce servizio di trasporto merci ferroviario del mondo, il Mercitalia Fast che in 3 ore e 20 minuti parte da Marcianise e arriva a Bologna. Per il resto, però, l'Interporto non si è mai sviluppato del tutto.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 15 Marzo 2019, 07:30 - Ultimo aggiornamento: 15-03-2019 14:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP