Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Madre e figlio uccisi dal carro attrezzi,
paese in lutto per Elvira e Mario

Sabato 25 Giugno 2022 di Emanuele La Prova
Madre e figlio uccisi dal carro attrezzi, paese in lutto per Elvira e Mario

Ancora sangue lungo le corsie dell'autostrada A1. Ieri pomeriggio, poco prima delle ore 16, in seguito a un terribile incidente tra i caselli di Capua e Caianello, hanno perso la vita due anziani originari di Rocca d'Evandro: si tratta di Elvira Teolo, 93enne e del figlio Mario D'Ettore, 62 anni. Le vittime stavano viaggiando a bordo della loro Peugeot 208, guidata dalla figlia di D'Ettore, a quanto pare. I tre si trovavano all'altezza del chilometro 709+800, a circa cinquecento metri dall'Autogrill di Teano est, quando sono stati travolti da un carroattrezzi. 

L'impatto tra i due veicoli è stato tremendo. Ad avere la peggio è stata la Peugeot, che è andata a schiantarsi violentemente al di fuori della carreggiata. Entrambi i mezzi, in seguito all'impatto, erano in condizioni pietose: la Peugeot nella parte anteriore era intatta, mentre nella zona posteriore si presentava come un ammasso di lamiere. Sono stati poi gli altri utenti dell'autostrada a chiamare i soccorsi. Sul posto sono arrivati gli agenti della polizia stradale di Caserta, tre equipe mediche del 118, provenienti da Capua, e i vigili del fuoco di Teano e di Caserta. I caschi rossi hanno estratto dalle lamiere le persone coinvolte. Sfortunatamente, i medici presenti hanno potuto solo constatare il decesso della madre e del figlio, morti quasi subito.

Sono stati invece ricoverati negli ospedali di Caserta e di Sessa Aurunca la figlia dell'uomo e il trentenne al volante del carroattrezzi. Entrambi hanno riportato diverse ferite a causa del terribile impatto, ma, stando alle primissime indiscrezioni, dovrebbero essere fuori pericolo di vita. Tuttavia, le loro condizioni non sono da sottovalutare. Per questo motivo, entrambi resteranno sotto stretta osservazione dei medici. Toccherà ora alla polizia stradale casertana indagare sul tragico episodio che ha coinvolto l'anziana Elvia di 93 anni e il figlio Mario D'Ettore di Rocca d'Evandro. Ieri, il paese è stato scosso dalla notizia.

Occorrerà innanzitutto fare chiarezza sulla dinamica dell'incidente. Al momento, stando alle prime dichiarazioni dei presenti, sembrerebbe che il carroattrezzi abbia tamponato violentemente la Peugeot sulla quale viaggiava la famiglia dell'alto casertano. Probabilmente, in un momento di distrazione, il conducente del possente veicolo non aveva notato l'utilitaria che lo precedeva, non rispettando così la distanza di sicurezza. Naturalmente, per il momento quest'ultima resta soltanto un'ipotesi. Vedremo, dunque, se nei prossimi giorni le indagini della polstrada porteranno a un ulteriore dettaglio. Il tragico episodio ha creato enormi disagi anche agli altri utenti dell'A1. Le operazioni di messa in sicurezza del tratto in cui è avvenuto l'incidente, infatti, hanno richiesto diverso tempo. Per più di un'ora, si sono create lunghissime file tra i caselli di Capua e Caianello, con il traffico totalmente paralizzato. La situazione ha poi cominciato a sbloccarsi nel tardo pomeriggio. Continua a scorrere sangue, dunque, lungo le arterie stradali che attraversano il territorio casertano. Alcuni mesi fa, sempre nei pressi del casello di Caianello, un quarantaquattrenne di origini straniere andò a schiantarsi contro un tir. All'arrivo dei soccorsi, l'uomo era già deceduto.

Video

Nel corso dell'ultima primavera, invece, a qualche chilometro di distanza dal luogo in cui ieri hanno perso la vita i due settantenni di Rocca d'Evandro, una vettura che viaggiava contromano causò l'ennesimo tragico incidente, nei pressi del varco autostradale di Capua. A provocare il sinistro fu sessantasettenne della provincia di Salerno, a bordo di una Fiat 500, rimasto vittima del sinistro. Dopo oltre un chilometro di guida contromano, l'uomo andò a schiantarsi frontalmente contro una Ford, sulla quale viaggiavano due settantenni, morti sul colpo. Sfortunatamente, continua ad aumentare il numero di sinistri anche lungo le arterie provinciali e statali che attraversano Terra di lavoro. La scorsa settimana, un terribile schianto frontale a Caiazzo, è costato la vita alla signora Elvia Morgillo, quarantaquattrenne di Baia e Latina. Solo poche settimane prima, la stessa cittadina aveva pianto la scomparsa del diciassettenne Francesco D'Onofrio. 

Ultimo aggiornamento: 26 Giugno, 09:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA