Investì con l'auto un minore dopo lite,
trentenne condannato a 9 anni

Lunedì 24 Febbraio 2020
Investì con l'auto un minorenne dopo una lite, provocandone la paralisi a vita. Al termine del processo, il tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha condannato il responsabile Donato De Rosa a nove anni e quattro mesi di reclusione. I fatti avvennero il 3 dicembre 2018 a Sparanise, nel Casertano. Il 30enne De Rosa è emerso dalle indagini dei carabinieri e poi dal processo - ebbe una lite per futili motivi fuori in un bar con l'allora 16enne Salvatore D. F, che era intervenuto per difendere un amico; dopo il litigio, De Rosa si mise in auto per andare a cercare il minore e vendicarsi. Lo aspettò per strada mentre era a bordo di uno scooter, e con l'auto lo investì in pieno.

LEGGI ANCHE Investe il cognato per vendetta contro la compagna che vuole lasciarlo: arrestato 23enne

Il giovane finì in prognosi riservata all'ospedale di Caserta con una diagnosi terribile; paralisi ad entrambi gli arti. Il processo si è protratto per dieci udienze; nel corso della requisitoria, il sostituto della Procura di Santa Maria Capua Vetere Sergio Occhionero, aveva chiesto una pena di 10 anni. Il collegio tribunale, presieduto da Rigarli, ha anche riconosciuto una provvisionale di 150mila euro per De Falco, e di 112mila a ciascuno dei genitori. La famiglia del ragazzo, costituitasi parte civile, è stata assistita dagli avvocati Gianluca Giordano, Andrea Balletta e Giovanni Plomitallo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA