Mondragone e Baia Domizia,
notti di risse e movida fuorilegge

Martedì 24 Agosto 2021 di Pierluigi Benvenuti
Mondragone e Baia Domizia, notti di risse e movida fuorilegge

Movida più violenta e selvaggia sul litorale domiziano. Risse, accoltellamenti, bravate, episodi di bullismo e di vandalismo stanno caratterizzando i fine settimana estivi di Mondragone e Baia Domizia. Le due località rivierasche nelle ore serali e notturne sembrano ostaggio di bande di giovanissimi privi di ogni controllo. Scatta l'allarme mentre montano le proteste di imprenditori, commercianti e forze politiche di opposizione.

Due accoltellamenti per futili motivi nello spazio di pochi giorni hanno riacceso i riflettori sulla sicurezza delle serate sul lungomare. Tra venerdì e sabato, una discussione tra ragazzi in piazzale Conte è finita con il ferimento di un sedicenne, raggiunto da una coltellata alla gamba: è ricoverato all'ospedale Cardarelli di Napoli. L'altra sera, un uomo, intervenuto per cercare di sedare una lite scoppiata tra due persone davanti a un bar, è stato ferito con un coltello a una coscia e curato alla clinica Pinetagrande di Castel Volturno. Su entrambi gli episodi stanno indagando i carabinieri del reparto territoriale di Mondragone. Restano lo sconcerto e la preoccupazione per degli episodi inquietanti che si vanno a sommare al caos che caratterizza la movida cittadina, tra motociclette e automobili con marmitta scoperta che sfrecciano a tutta velocità, risse, scarso rispetto delle regole e del decoro urbano, pochi uomini delle forze dell'ordine per le strade. A tutto questo si aggiungono gli episodi di microcriminalità come i furti e danneggiamenti contro le autovetture. Scoppia intanto la polemica politica. «Il problema della sicurezza è diventata la questione centrale. L'amministrazione comunale sembra essere impotente nel contrastare questi fenomeni al pari del forte stato di abbandono e degrado in cui versano molte zone della città. Serve potenziare la presenza di pattuglie delle forze dell'ordine nelle strade», afferma la coordinatrice cittadina di Fratelli d'Italia, Rachele Miraglia

Video

Risse, danneggiamenti, confusione continua, bottiglie e sporcizia abbandonata in tutti gli spazi della storica galleria commerciale. Questa è l'immagine della movida a Baia Domizia dove nello scorso week-end un giovinastro ha mandato in frantumi con un pugno, mentre discuteva con una ragazza, la vetrina dei magazzini Spena. Le immagini dell'impianto di sorveglianza dell'esercizio hanno permesso di ricostruire i fatti, Il giovane dovrebbe anche essersi ferito, stando alle tracce di sangue rinvenute sulla pavimentazione esterna. Le immagini mostrano qualcosa di ancor più inquietante dell'ennesima notte brava di Baia Domizia: nello spazio di poco più di due ore, dalle 3 alle 5.30, si sono contate cinque risse, sotto gli occhi spaventati di turisti e famiglie in vacanza. «Per la terza volta in quaranta giorni ci hanno rotto una vetrina, per il terzo sabato ci hanno fatto questo gentile regalo. Abbiamo i negozi qui dal 1965. In 56 anni non era mai successa una cosa simile. Il centro negozi di Baia Domizia dall'anno scorso è diventato un supermarket dove si spaccia in totale libertà alcool e droghe. Dopo le due di notte è terra di nessuno, ognuno fa come gli pare e gli piace. Ogni weekend fuori il negozio troviamo di tutto bottiglie di vetro, bicchieri e alcool rovesciato e tutto quello che chi trascorre le vacanze a Baia Domizia vede quasi ogni mattina. In questi 56 anni abbiamo subito di tutto, ma siamo stanchi. Dov'è lo Stato? Noi siamo qui e qui resteremo fiduciosi che prima o poi si faccia vedere e sentire», è lo sfogo del titolare dell'esercizio danneggiato, Mimmo Spena. «Senza controlli non si può lavorare. C'è in gioco la nostra sicurezza. A Baia Domizia in centro la notte girano migliaia di persone. È incomprensibile che non ci siano controlli», gli fa eco Mario Polizzi, titolare del Clan Wine Bar. A ridosso di ferragosto il suo addetto alla sicurezza è stato aggredito e picchiato, la moglie spinta a terra.

Ultimo aggiornamento: 25 Agosto, 08:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA