Caserta, carabiniere insegue ladro
e muore investito da un treno

Martedì 6 Novembre 2018 di Mary Liguori

Inseguiva un ladro in fuga, ha scavalcato il muro della stazione ferroviaria ed è stato investito da un treno in corsa. È morto così il brigadiere dei carabinieri Emanuele Reali, 34 anni, in forza al nucleo radiomobile di Caserta. La tragedia si è verificata a cinquecento metri dalla stazione di Caserta.

L’inseguimento è iniziato dopo che una banda di ladri ha assaltato diverse case nella zona residenziale della città. Due balordi sono stati intercettati e fermati, gli altri sono scappati. Uno di loro è riuscito a fuggire sui binari dove il brigadiere lo ha inseguito; a quel punto é sopraggiunto il convoglio che ha centrato il militare uccidendolo sul colpo. Il carabiniere, sposato con due figli, abitava a Bellona, nel Casertano. 

Sul luogo della tragedia sono arrivati  il generale di brigata Maurizio Stefanizzi, comandante della Legione Carabinieri Campania, il comandante provinciale dei carabinieri di Caserta, colonnello Alberto Maestri, e il tenente colonnello Nicola Mirante, che guida il nucleo investigativo. 

«Un carabiniere di 34 anni, Emanuele Reali, è stato travolto e ucciso da un treno mentre stava inseguendo un delinquente. È successo a Caserta. Lascia moglie e due figli piccoli. Una preghiera e un abbraccio alla famiglia e agli amici di Emanuele e a tutte le Forze dell'Ordine» ha detto il ministro dell'Interno Matteo Salvini. Cordoglio anche dal ministro Trenta. 

In queste ore è caccia all’uomo per catturare il ladro che, scappando, ha provocato la tragedia. Le indagini sono coordinate dalla procura di Santa Maria Capua Vetere, diretta da Maria Antonietta Troncone. 

Ultimo aggiornamento: 7 Novembre, 13:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA