Nando ucciso con cinque colpi:
l'ipotesi della vendetta per la droga

di Mary Liguori

  • 179
Lo ha attirato in trappola un «amico», qualcuno di cui si fidava. Con il quale aveva confidenza al punto che ha citofonato a casa sua e gli ha chiesto di scendere in strada. Una volta sotto casa, quando era allo scoperto, i sicari sono entrati in azione. La vittima ha compreso ciò che stava accadendo, ha provato a riguadagnare il portone del palazzo, a mettersi al riparo, ma era già tardi. Uno dei killer ha fatto fuoco da una distanza ravvicinata. Ha sparato almeno tre volte.
Ferdinando Longobardi era in pantofole quando il suo assassino ha aperto il fuoco. Così lo hanno trovato, ormai esanime sull'asfalto, i carabinieri quando sono arrivati sul posto, poco prima delle dieci di sera.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 5 Settembre 2019, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 6 Settembre, 08:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP