Pestaggio in carcere, l'ultima accusa:
«Si tentò l'alterazione dei video»

Sabato 3 Luglio 2021
Pestaggio in carcere, l'ultima accusa: «Si tentò l'alterazione dei video»

Tra gli episodi di depistaggio emersi nell'indagine sulle violenze nei confronti dei detenuti commesse dagli agenti della Penitenziaria al carcere di Santa Maria Capua Vetere, secondo l'accusa ci fu anche il tentativo di modificare i video delle telecamere interne per falsare la rappresentazione della realtà del 6 aprile 2020, giorno dei violenti pestaggi.

Protagonisti, come emerge dall'ordinanza di custodia cautelare, i massimi funzionari dell'amministrazione penitenziaria in Campania, ovvero l'allora comandante Pasquale Colucci e il Provveditore campano Antonio Fullone, il primo ai domiciliari, il secondo sospeso. 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 17:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA