Premiati Coronella e De Giovanni nel segno di Caruso

La targa Amici della lirica al tenore e allo scrittore

Premiati Coronella e De Giovanni nel segno di Caruso
Premiati Coronella e De Giovanni nel segno di Caruso
di Nadia Verdile
Domenica 18 Febbraio 2024, 12:14
4 Minuti di Lettura

Un pomeriggio tra note, versi, parole e caricature per celebrare il genio indiscusso di uno dei più grandi tenori di tutti i tempi: Enrico Caruso. Non solo il maestro ma anche i venticinque anni dell'associazione che ne porta il nome, per ricordare il valore prezioso della cultura, in tutte le sue sfaccettature. Ieri, nella sala consiliare del Comune di Casagiove, la cerimonia di premiazione del 21° concorso nazionale di poesia, del 12° concorso nazionale di caricatura, del 7° concorso nazionale di narrativa. A Maurizio De Giovanni, in video collegamento per ragioni di salute, è stato conferito il premio "Totò", al tenore Andrea Cesare Coronella il premio "Amici della lirica".

«La longevità dell'associazione "Enrico Caruso" ha detto il sindaco di Casagiove, Peppe Vozza è un valore; non è semplice resistere al tempo, alle difficoltà, al cambiamento degli scenari sociali.

Ero sindaco quando nacque, ora sono qui a celebrare, nello stesso ruolo ma in scenari diversi, il suo quarto di secolo. Le iniziative culturali sono energia per la collettività, vanno promosse, sostenute e ringraziate».

Al tavolo anche l'assessore alla Cultura del comune di Caserta, Enzo Battarra, il presidente dell'associazione Giuseppe Di Gennaro, la presidente di giuria, Anna De Core, la coordinatrice e anche moderatrice Emilia Mastrangelo. «Le opere pervenute ha detto la presidente di giuria sono state tutte voci, espressioni, che hanno dato tono e tonalità al concorso, hanno elevato in qualità e dignità il potere della comunicazione attraverso i vari linguaggi utilizzati. Un mix di purezza, di voce del cuore, come specchio dell'anima, una moltitudine di pensieri e di rappresentazioni che hanno elevato la qualità dell'intera iniziativa, onorandoci con la loro partecipazione».

Video

Appassionato l'intervento del presidente Di Gennaro che ha sottolineato il legame di Enrico Caruso con Caserta dove si esibì, per la prima volta in un'opera intera, in quello che è oggi è il teatro comunale e allora si chiamava "Cimarosa". Era il 1895. L'associazione culturale "Enrico Caruso" da anni è impegnata nella diffusione e promozione di attività in ricordo del grande tenore. La premiazione doveva esserci alla fine dello scorso anno, per celebrare il 150° anniversario della morte di Caruso, l'evento, slittato di qualche mese, ne ha ricordato ieri, ancora una volta, la grandezza. Andrea Cesare Coronella si è esibito con il soprano Cira Di Gennaro e il pianista Sergio Pagliarulo. L'evento è stato patrocinato dal Comune di Casagiove e da quello di Caserta, da Csv Assovoce, dall'associazione insegnanti di canto italiano.

Sul podio del premio nazionale, per la sezione poesia, categoria adulti, Raffaella Feola e Lina Angela Barbieri ex aequo, Francesca D'Errico, Anita Napolitano Galatea e Dante Iagrossi ex aequo; Marisa Del Giudice, Matteo Varricchio e Noemi Rivetti in quella dei ragazzi; per la sezione narrativa, categoria adulti, Luigi Bernardi, Raffaella Alois e Lina Angela Barbieri, categoria giovani Marco Carafa; per la sezione caricature, categoria adulti, Laura Ermellini, per la categoria ragazzi Gaetano Letizia, Giovanni Landolfo e Isabel Pane. Hanno fatto parte della commissione giudicatrice anche Rosa Arbolino, Laura Crescente, Emilio Di Cioccio, Maria Rosaria Di Gennaro, Maria Laura Labriola, Gianluca Parente. Attestato di riconoscimento anche per il vicepresidente Claudio Morfino.
Nell'ambito dell'evento il presidente Di Gennaro ha chiesto al sindaco di Casagiove di intitolare una piazza ad Enrico Caruso e all'assessore Battarra che nel teatro del capoluogo una targa ricordi che lì il grande tenore tenne il suo primo concerto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA