Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pusher con il reddito di cittadinanza,
50 arresti: ​spaccio davanti alle scuole

Lunedì 14 Febbraio 2022
Pusher con il reddito di cittadinanza, 50 arresti: spaccio davanti alle scuole

I carabinieri della Compagnia di Casal di Principe e quelli della Stazione di Villa Literno hanno eseguito nel Casertano una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di una cinquantina di persone molte delle quali risultate indigenti, e per questo percettori il reddito di cittadinanza, che, secondo gli investigatori, tenevano in piedi una lucrosa attività di spaccio di sostanze stupefacenti.

Dalle indagini è emerso che avevano dislocato le loro basi operative anche davanti alle scuole. L'ordinanza è stata emessa dal gip al termine di indagini coordinate dalla Procura di Napoli Nord. 

Video

La droga veniva venduta anche di fronte alla sede del Comune di Villa Literno, in provincia di Caserta, e di fronte agli istituti scolastici di Castel Volturno e Aversa, nel Casertano. È quanto sostengono gli inquirenti della Procura di Napoli che oggi hanno coordinato un maxi blitz dei carabinieri di Casal di Principe e di Villa Literno, circa 200 i militari impiegati, durante il quale sono state notificate 48 misure cautelari (26 in carcere, 10 ai domiciliari, 3 denunce, 3 divieti di dimora e 6 obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria). Gli spacciatori, per reperirla e venderla, si facevano aiutare anche da alcuni autisti che li accompagnavano ad acquistarla (tra Caivano, Melito di Napoli, il Rione Traiano di Napoli e a Castel Volturno e anche a Casal di Principe) e anche a venderla nella zona circostante Villa Literno. Individuati i cosiddetti fornitori di zona che si occupavano di spacciare ciascuno a Sant'Antimo, Castel Volturno e Melito di Napoli.

Il maggior numero di cessioni è stato registrato a Castel Volturno, negli orari serali, e gli ordini arrivavano via telefono adoperando linguaggi criptici (Maria per la marijuana, Mario per l'hashish e «bubbazza» per la cocaina). Tra gli spacciatori arrestati figurano anche persone agli arresti domiciliari e sorvegliati speciali e numerosi sono stati gli arresti in flagranza durante le indagini e i sequestri di denaro e droga. Durante l'attività investigativa è anche emerso che la droga (hashish, marijuana e cocaina) veniva venduta anche ai minorenni. I provvedimenti emessi dal gip Daniele Grunieri di Napoli Nord su richiesta del locale ufficio inquirente coordinato dal procuratore Maria Antonietta Troncone, sono stati notificati tra le province di Caserta, Napoli e Arezzo.

Ultimo aggiornamento: 13:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA