Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Reggia di Caserta, online il progetto
per rilanciare le serre borboniche

Lunedì 8 Agosto 2022
Reggia di Caserta, online il progetto per rilanciare le serre borboniche

È ufficialmente online il primo avviso pubblico di «Semi, Sviluppo e Meraviglia d'Impresa», il progetto della Reggia di Caserta che ha l'obiettivo di valorizzare e promuovere le serre borboniche situate nel giardino inglese. Per anni inutilizzate e oggetto di difficile gestione e manutenzione data l'assenza di giardinieri, ora la direzione del museo patrimonio Unesco affidata a Tiziana Maffei, punta a recuperarle aprendo al partenariato con soggetti privati. «La Reggia di Caserta - dice la Maffei - è il luogo della meraviglia, ma anche d'ispirazione, avendo tutte le caratteristiche per essere un luogo di impresa attiva. Essere istituto al servizio della società e del suo sviluppò è il principio ispiratore nella gestione di un museo che ha nel suo dna la funzione produttiva. La Reggia è il più importante complesso del sistema delle reali delizie borboniche che, come è noto, univano il bello all'utile. Le fabbriche di questa magnificenza sono state spesso veri e propri volani economici. Oggi la funzione museale è occasione per operare in un'ottica di responsabilità condivisa: le istituzioni devono farsi carico di promuovere e dirigere processi sperimentali di salvaguardia del patrimonio culturale, coinvolgendo i privati, sulla base di progettualità partecipate che pongano al centro professionalità, ricerca e innovazione».

A tal proposito è in corso di definizione un'apposita convenzione tra la Reggia di Caserta e l'Istituto per il Credito Sportivo, banca pubblica per lo sviluppo dei sistemi sportivi e culturali, finalizzata a supportare finanziariamente i progetti di riqualificazione e valorizzazione della Reggia, a partire proprio dalle Serre Borboniche. «La collaborazione con la Reggia di Caserta - ha dichiarato il presidente dell'Ics Andrea Abodi - rappresenta per tutti noi un motivo di orgoglio e gratificante responsabilità. L'Istituto valuterà la possibilità di assistere finanziariamente i partner privati impegnati in rapporti di cooperazione pubblico privato con il Museo, anche attraverso la concessione a valere per tali finanziamenti».

L'avviso riguarda una vasta area a vocazione produttiva delle antiche serre borboniche: quasi 8000 metri quadrati che comprendono la serra borbonica in muratura, la serra a botte, quella del XIX secolo e quella moderna. I soggetti che sceglieranno di partecipare dovranno costruire un rapporto stabile e strutturato con i centri di ricerca e le università. Dovranno impegnarsi a co-progettare insieme alla direzione della Reggia di Caserta un piano di rilancio delle attività produttive».

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA